Fatti

Raffaele Tiscar: un ciellino nel Giglio Magico di Renzi

Nel Giglio Magico di Matteo Renzi c’è spazio anche per Comunione & Liberazione. Nonostante il no al meeting di CL, il presidente del Consiglio ha, tra gli uomini fidati a lui vicini, anche un fedelissimo della creatura di Don Giussani, al quale oggi Wanda Marra sul Fatto dedica un ritratto. Lele Tiscar è nato a Bari (Puglia) il 4 giugno 1956, ma ha vissuto a Firenze, è laureato in scienze politiche e di professione fa il funzionario pubblico. Ovvero, il vicesegretario della Presidenza del Consiglio.
 
RAFFAELE TISCAR: UN CIELLINO NEL GIGLIO MAGICO
Il suo è un curriculum invidiabile: Studi tra Massa Marittima e Firenze, laurea in economia con 110 e lode, prima di diventare direttore programmazione e sviluppo presso la Regione Lombardia e poi ancora responsabile dei servizi pubblici sempre per il Pirellone. Ma Tiscar è stato anche delegato sindacale Cisl, consigliere comunale a Firenze, assessore alla casa, parlamentare, e amministratore delegato di una società del gruppo Monte dei Paschi di Siena. Tiscar è stato anche country manager per due multinazionali del settore delle acque come Rwe e Suez, ed è stato nominato alla Fiera di Milano, anche qui probabilmente non in ostilità a Comunione e Liberazione. Il premier deve il rapporto con lui al padre Tiziano:

I rapporti del premier che contano affondano tutti sulle rive dell’Arno: Tiscar militava nella Dc, insieme al padre Tiziano. Anche se erano di due correnti diverse: demitiano il primo, ciellino il secondo. E qui sta il punto: Tiscar è vicino a Cl, da sempre. Già nei primianni ’80 militava nel Movimento popolare. Un mondo con il quale Renzi non va d’accordo, ma che gli serve: non è andato al Meeting di Rimini quest’estate, ma alla vigilia dell’evento ha rilasciato un’intervista a Tempi. Un modo per marcare una differenza, ma anche per tenere rapporti che contano. E che per molta parte sono gestiti dal fido Marco Carrai. (Wanda Marra, il Fatto, 3 ottobre 2014)

Sul suo profilo Facebook è poi amico di Lucetta Scaraffìa, “storica” editorialista di Avvenire sempre in battaglia a rappresentare alla politica le istanze della Chiesa. Oggi Tiscar è dato in grande ascesa a Palazzo Chigi, se non altro perché il suo concorrente, Mauro Bonaretti, è in disgrazia insieme al suo sponsor, Graziano Delrio. Chissà che il prossimo anno Renzi non ci ripensi, per quel meeting di CL…

Il Giglio Magico di Renzi: clicca sulla gallery per i ritratti