FAQ

Primarie PD, Zingaretti al 51% nei circoli

@neXt quotidiano|

zingaretti minniti sondaggi primarie pd

In attesa dei dati ufficiali delle Convenzioni dei circoli che martedì dovrebbero essere diffusi dalla commissione di garanzia, quelli parziali con oltre 136 mila iscritti fotografano una partita che registra Zingaretti al 50,8%, Martina al 32,6%, Giachetti 12,2%, Boccia 2,9% Corallo 0,8, Saladino 0,7%. Sarà possibile votare ancora entro oggi ma in alcune regioni del Sud le Convenzioni dei circoli procedono al rallentatore. Ad esempio, in Sicilia mancherebbero all’appello i dati di quattro province: Siracusa, Palermo, Trapani ed Enna.

primarie pd circoli zingaretti
L’infografica del Corriere della Sera sui dati delle primarie nei circoli PD (27 gennaio 2019)

Intanto torna a far sentire la sua voce Marco Minniti, che doveva essere il candidato renziano “forte” da contrapporre a Zingaretti ma ha mollato la corsa proprio a causa dei dissapori con il senatore di Scandicci: nel colloquio con Giovanna Casadio di Repubblica l’ex ministro dell’Interno ha tenuto a far sapere per chi voterà alle primarie:

La sua candidatura a segretario del Pd era stata appoggiata da 500 amministratori e da parte dell’area renziana, proprio perché era considerato il più adatto a sfidare Salvini. Lei ha rinunciato: se n’è pentito?
«No, non ho cambiato idea. Sono grato ai sindaci che hanno pensato a me. Ritengo che il destino del Pd e quello della democrazia italiana siano legati. Da questo congresso, sia pure tardivo, deve emergere una leadership legittimata dalle primarie nei gazebo. Pur stimando tutti i candidati. è cruciale che ci sia un esito chiaro e indiscutibile. Mi impegno perché alle primarie del 3 marzo ci sia il massimo della partecipazione e quindi un segretario che superi il 50%».

Questo vuol dire che lei sostiene chi ha più possibilità di superare il 50%, ovvero Nicola Zingaretti?
«Esattamente»

Leggi sull’argomento: Pensioni e quota 100, il taglio automatico dell’importo