Opinioni

Cosa c’entra la mascherina con la storia del prete che muore mentre dice l’omelia

Alcuni media italiani stanno riportando la notizia di un prete “con la mascherina” che muore improvvisamente mentre sta parlando in chiesa. Il sacerdote si chiamava Padre Jude, e faceva parte della diocesi di Deido nella città di Douala. La notizia della morte del prete è stata riportata dal Daily Mail che è la fonte citata ad esempio dal Messaggero che titola così:

prete con la mascherina muore video

 

Il titolo è molto simile a quello della fonte originale:

prete con la mascherina muore video 1

Il Dailymail ha pubblicato a sua volta il video di Padre Jude che si accascia al suolo, twittato il 30 agosto da Chidi Odinkalu, ex presidente della Commissione nazionale per i diritti umani della Nigeria:

 


E qui viene il bello. Chidi Odinkalu infatti scrive: «Rev. P. Jude., Direttore Spirituale della CMA Deido, nella capitale commerciale del Camerun, Douala, stava predicando l’omelia durante la messa domenica mattina quando è deceduto improvvisamente. RIP». E la mascherina che fine ha fatto? Perché il Dailymail e tutti quelli che lo hanno ripreso titolano la notizia della morte del prete come se il dispositivo fosse un particolare importante per spiegare l’episodio? Ci sono state delle indagini che lo dimostrano? Il tabloid britannico, quasi a fine articolo, scrive solo che “It is not yet known whether the priest had any prior medical conditions”. E il Messaggero riporta “Non è ancora chiaro se l’uomo avesse problemi di salute e se ci sono eventuali collegamenti con il fatto che indossasse la mascherina”. Insomma per quel che ne sappiamo la mascherina c’entra con la morte di padre Jude tanto quanto il fatto che indossasse l’abito talare, le scarpe o qualsiasi altro accessorio. Ma scrivere “prete con la mascherina muore improvvisamente” strizza l’occhio a una certa fetta di pubblico. Ci sono già le fake news sui social per fomentare i nomask, non è il caso di titillarli ulteriormente.

Leggi anche: Gigi Littarru: il sindaco che “abolisce” i gruppi Whatsapp delle mamme