Opinioni

Perché il governo Lega-M5S sta giocando con i numeri (e le parole)

Le previsioni di crescita di qualunque governo sono sempre ottimistiche: diamo un occhio insieme al nuovo DEF: si programma un deficit al 2,4% per 3 anni generando crescita pari a +1,6% nel 2019 e +1,7% nel 2020, con discesa del debito/PIL di un punto all’anno. Torna? Andrebbero prese per buone le stime di crescita, innanzitutto, che paiono poco verosimili visto che gli indicatori anticipatori danno segni di frenata, non solo in Italia ma in tutto il continente europeo.

Inoltre per avere un calo del debito quando il deficit supera la crescita del PIL bisogna contemplare “l’aiuto” dell’inflazione (misurata nel CD deflatore del PIL): per rendere veri questi conti l’inflazione dovrebbe essere al 2%, ma dal 2015 la media del deflatore è 0,8%. Tra generosità e realismo vediamo cosa succede con crescita reale +1,1% e inflazione +1,3%, portando il deficit a +2,9% perché possa “spingere” su dati inferiori alle stime: avremmo debito\PIL che sale in tre anni a 135% (mentre il governo “stimerebbe” di portarlo a 127%).

balla pil deficit spread

Il cambiamento tanto promesso si traduce quindi nella solita espansione di debito,in una distribuzione di una manciata di prebende ed il “solito” condono. Intanto il resto del mondo va avanti e allarga il divario.Scusate la noiosità dei numeri, ma a volte non si può farne a meno.

PS: ho evitato di mettere nel conto il fatto che la fine del QE porterà un generale aumento dei costi di finanziamento,che ovviamente noi sentiremo di più visto il montante di debito cumulato, e che i cali dei BTP abbassano il Tier1 delle banche che dovranno stringere il credito.

Leggi sull’argomento: Tesoro, mi si è ristretto il reddito (di cittadinanza)

Alieno Gentile

Alieno Gentile è uno pseudonimo. Precedentemente conosciuto con il nickname Bimbo Alieno, L'Alieno Gentile è un operatore finanziario dal 1998; ha collaborato con diverse banche italiane ed estere. Contributor OCSE nel 2012, ancora oggi gestisce attivamente patrimoni finanziari