Fatti

L’uomo che spara al cameriere perché il servizio era troppo lento | VIDEO

Una vera e propria follia a Pescara, in un ristobar di piazza della Rinascita. La vittima è ricoverata in gravi condizioni, mentre l’uomo è stato arrestato

Pescara

Lo ha inseguito dentro il locale, brandendo nelle sue mani una pistola e arrivando fino a dietro il bancone del ristobar di piazza della Rinascita, a Pescara. Poi ha fatto partire tre colpi da quell’arma, tutti rivolti a un cameriere che lavora in quel locale della cittadina abruzzese. Scene di follia avvenute all’ora di pranzo di domenica 10 aprile, quando un uomo ha deciso di colpire ripetutamente (anche mentre era inerme a terra dopo il primo proiettile) un giovane. Il folle motivo? Secondo quanto raccontato dai testimoni, il “cliente” si era lamentato per il servizio rallentato. Le telecamere a circuito chiuso del locale hanno ripreso la scena. Si tratta di immagini molto forti, se ne sconsiglia la visione a persone sensibili.

Pescara, l’uomo che spara al cameriere di un ristobar

Secondo le testimonianze, il giovane cameriere era stato prima colpito al volto dall’uomo (non un cliente abituale, ma che si era già palesato in quel ristobar nella serata di venerdì). Poi, non contento, lo ha inseguito all’interno del locale con la pistola. Mentre il cameriere 23enne cercava un riparo, lui non si è fermato: un colpo, poi due. Fino al terzo. Tre proiettili che lo hanno colpito al collo e al torace. Colpito anche mentre era sdraiato, pancia a terra, dietro a quel bancone dove aveva cercato protezione. Il proprietario del locale – Casa Rustì – ha raccontato così quella scena:

“È entrato nel locale con il suo bicchiere di vino ed ha iniziato a inveire contro il mio dipendente, lamentandosi, da quanto abbiamo capito, per i tempi di attesa. Gli ha dato prima un pugno, poi ha tirato fuori la pistola ed ha sparato”.

Il giovane è ricoverato in gravi condizioni, in rianimazione. L’uomo, un 29enne abruzzese emigrato all’estero, è stato individuato proprio grazie alle immagini immortalate dalle telecamere a circuito chiuso del locale ed è stato arrestato dalla Polizia intorno alle 23 di domenica, mentre stava percorrendo l’Autostrada A14 in direzione Nord.