La macchina del funky

I permessi temporanei per i migranti che vogliono lasciare l'Italia

L’Italia sta pensando di rilasciare permessi temporanei ai migranti che arrivano nel Belpaese per consentirne la libera circolazione in Europa. L’idea viene dalla Farnesina anche se il Viminale frena e in questo modo l’Italia potrebbe tentare di scardinare il blocco delle frontiere Ue e decongestionare parte del suo sistema d’accoglienza. Dell’idea parla oggi Vladimiro Polchi su Repubblica:

E a quanti migranti potrebbero essere concessi questi permessi temporanei? I flussi non si fermano: nel 2017 sono già più di 90mila i rifugiati arrivati via mare in Italia. Per fine anno se ne prevedono circa 220mila. E non aiutano i ricollocamenti fermi a quota 7.500. La pressione resta dunque insostenibile e per questo circolano numeri da capogiro: fino a 200mila permessi da con
cedere.
Ma il viceministro Giro precisa che «le cifre sarebbero in ogni caso molto più basse. Non solo. Resta il fatto che questa è solo una delle ipotesi in campo, come quella di attendere il prossimo giudizio della Corte di giustizia europea che su un ricorso della Croazia potrebbe far saltare il trattato di Dublino».

permessi temporanei migranti ong
Le ONG che operano nel Mediterraneo (La Repubblica, 17 luglio 2017)

La verità è che nessuno vuole arrivare a tanto, e l’ipotesi dei permessi di soggiorno umanitari temporanei resta per ora solo uno strumento di pressione da usare nella trattativa europea. Tanto che il Viminale continua a negare che l’ipotesi dei permessi a tempo sia anche solo al vaglio del governo. Ma non è escluso che la questione torni oggi sul tavolo del Consiglio Affari esteri dell’Ue a Bruxelles, chiamato a discutere di dossier libico ed emergenza migranti, mentre Angela Merkel ribadisce di essere contraria all’introduzione di un tetto numerico ai migranti in Germania: «Il tetto limite non lo accetteremo».