Opinioni

Perché vivere vicino a strade trafficate è pericoloso

I cittadini che vivono vicino alle strade più trafficate hanno più probabilità di sviluppare la demenza, secondo uno studio pubblicato da Lancet e che si basa su sei milioni di adulti dell’Ontario, Canada, analizzati tra il 2001 e il 2012. In questo lasso di tempo la ricerca ha evidenziato che coloro che vivono a meno di 50 metri da strade trafficate hanno registrato il 7% in più di incidenza di demenza. Il rischio è del 4% sopra la media per le distanze tra 50 e 100 metri e del 2% tra 100 e 200 metri. Lo studio, condotto da Hong Chen del Public Health Ontario, ha evidenziato che l’esposizione di lungo periodo a due elementi inquinanti, biossido di azoto e particolati, è associata alla demenza ma questi non sono responsabili delle conseguenze per intero. Esistono altri fattori, come il rumore o altri inquinanti, che potrebbero giocare un ruolo nell’insorgere della demenza.
demenza malattia
Secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità 47,5 milioni di persone nel mondo soffrono di demenza, una sindrome che si manifesta con il deterioramento della memoria e nella capacità di condurre le attività quotidiane. Ogni anno si registrano 7,7 milioni di nuovi casi e tra questi la principale causa è l’Alzheimer (60-70%). Tra le altre cause ictus e ipertensione. “Il nostro studio suggerisce che le strade molto trafficate potrebbero essere una fonte di stress ambientale che potrebbe aumentare l’insorgere della demenza”, ha spiegato Hong. “L’aumento della crescita della popolazione e dell’urbanizzazione hanno fatto in modo che molte persone vivano vicino al traffico intenso con un incremento dell’esposizione agli ingorghi e un tasso più alto di demenza, anche un effetto modesto da questa esposizione di prossimità alle strade potrebbe causare un peso importante sulla salute pubblica”.