Fatti

Perché tutti vogliono sfiduciare Durigon: il video sul parco dedicato a Mussolini

Il sottosegretario leghista Durigon mette tutti d’accordo, da LeU a FI passando per Movimento Cinque Stelle e Sinistra Italiana: tutti voteranno la sfiducia

durigon mussolini latina parco falcone borsellino

Poche cose riescono a mettere la politica d’accordo come le valutazioni che si fanno sul leghista Durigon, negli scorsi giorni protagonista di un nuovo capitolo della saga: considerazioni inopportune. “Questa è la storia di Latina, la storia che qualcuno ha voluto anche cancellare con il cambio di nome a quel parco che deve tornare ad essere il parco Mussolini che è sempre stato”. E pensare che qualcuno, aveva pensato di dedicare quel parco a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Personaggi che secondo Durigon non rispettano la città di Latina, varrebbe la pena chiedere agli abitanti di Latina che hanno eletto un sindaco appartenente ad Italia in Comune. Il partito dei sindaci, lanciato da Fizzarotti che ha raccolto tante adesioni negli amministratori di centrosinistra.

Perché tutti vogliono sfiduciare Durigon: il video sul parco dedicato a Mussolini. Tutti insieme contro Durigon

La politica allora scende in campo, le truppe cammellate del buon senso una volta tanto risorgono e puntano il leghista. Il primo a dire la sua è Giuseppe Conte che dalle colonne de Il Fatto Quotidiano ha definito vergognoso l’intervento di Durigon al punto da proporre una mozione di sfiducia verso il sottosegretario leghista. Sulla mozione c’è l’accordo anche dei dem, ormai manus longa del Movimento Cinque Stelle, e di Leu che con le parole di Francesco Laforgia dichiarano di sostenere i grillini. Anche Fratoianni di Sinistra Italiana voterà la mozione contro il politico che era già finito al centro degli scandali per aver detto che il capo della Guardia di Finanza era stato “messo da lui”. Anche Elio Vito, onorevole forzista già ospite sulle colonne di Next nelle scorse settimane, ha fatto una scelta di campo: “Voterò la mozione di sfiducia a Durigon presentata dal M5S. Perché l’antifascismo è un valore fondante la Repubblica e perché non possiamo pubblicare ogni anno foto di Falcone e Borsellino e poi restare indifferenti. Spero di non essere il solo in FI”.