La macchina del funky

E il PD chiede 83mila euro a Pietro Grasso

pietro grasso

Oggi Pietro Grasso sarà incoronato sul palco dell’Atlantico Live di Roma come leader e candidato di Liberi e Uguali, il cartello elettorale che dovrebbe raggruppare Articolo 1 – MDP, Sinistra Italiana e Possibile. Prima però il presidente del Senato dovrà ricordarsi di saldare il conto con il Partito Democratico, che chiede a lui e a un’altra cinquantina di parlamentari di contribuire con 83250 euro, frutto della somma di 1500 euro che ogni onorevole e ogni senatore deve versare ogni mese al partito come da regolamento interno. Grasso, così come il renziano Yoram Gutgeld, non lo ha fatto e il tesoriere del PD Francesco Bonifazi glielo ha ricordato di recente con una lettera che viene pubblicata oggi dal Corriere della Sera:

«Caro presidente, la preghiamo di saldare le sue pendenze con il Pd: 83.250 euro, entro il 15 dicembre». È la lettera che il tesoriere del Nazareno, Francesco Bonifazi, ha inviato al presidente del Senato, Pietro Grasso, che, dopo aver lasciato i dem per passare a Mdp, proprio oggi a Roma sarà incoronato come candidato premier della sinistra unita.
Ogni parlamentare,da regolamento interno, deve versare al partito 1.500 euro al mese. La lista dei morosi sul taccuino del tesoriere è molto lunga e ha aggravato la voragine nei conti. Le missive di sollecito inviate ai morosi sono circa 50. E buona parte dei destinatari sono gli ex compagni di Mdp, che in base ai conti del Pd dovrebbero oltre 400mila euro in tutto.

renzi unità eni pessina francesco bonifazi
Francesco Bonifazi, tesoriere del Partito Democratico

«Bersani,Epifani e Rossi, prima di lasciare il partito,hanno saldato i contributi fino all’ultimo centesimo — spiegano dal Nazareno —. Da Grasso,invece,niente per tutta la legislatura. Questi soldi, come concordato con i sindacati, servono per istituire un fondo di garanzia a sostegno dei 180 nostri dipendenti in cassa integrazione».

Il Corriere scrive che tra i morosi ci sono anche Yoram Gutgeld, che deve 50mila euro, Ernesto Magorno, segretario del PD calabrese, che ne deve 73mila mentre Matteo Richetti si è messo in pari di recente.