Opinioni

Molenbeek, il blitz della polizia a rue Ransfort

La polizia a Molenbeek ha portato via su un blindato un uomo incappucciato, dopo la perquisizione al numero 47 di rue Ransfort. Lo riporta la Derniere Heure online. La polizia sta lanciando un’operazione vicino alla moschea Al Khalil a rue Ransfort, che è stata chiusa al traffico da due blindati della polizia. L’operazione è portata avanti da circa un centinaio di poliziotti e – riporta l’agenzia Belga – si estende anche a rue Delaunoy, la strada della moschea Al Khalil. Poco distante c’è anche un’altra moschea, Attadamoun. Presenti anche le unità speciali. Durante l’operazione sono stati utilizzati lacrimogeni. Ci sono un centinaio di poliziotti e puntano ai civici 47 e 49 di rue Ransfort. Secondo vari media belgi Salah Abdeslam, ricercato per le stragi di venerdì a Parigi, sarebbe stato arrestato a Molenbeek, nella periferia di Bruxelles. Ma la notizia è stata smentita dal procuratore di Bruxelles. La polizia federale belga ha chiesto ai media di non diffondere immagini in diretta dell’operazione in corso a Molenbeek “per la sicurezza di tutti”. Il borgomastro di Molenbeek, Françoise Schepmans, ha intanto confermato che l’operazione è legata agli attentati di Parigi precisando inoltre che le detonazioni udite da alcuni testimoni oculari non sono state causate da armi da fuoco.
Aggiornamento: il blitz si è concluso alle 14,05:

L’operazione di polizia iniziata questa mattina nel quartiere di Bruxelles Molenbeek è conclusa. . Lo ha annunciato il sindaco. Nel corso dell’operazione, precisano gli inquirenti, non è stato effettuato alcun arresto. In un primo momento si era diffusa la notizia che nel raid fosse stato arrestato Salah Abdeslam, uno dei tre fratelli coinvolti nelle stragi di Parigi, colpito da un mandato di cattura internazionale. Dell’arresto avevano parlato vari media belgi.

rue ransfort molenbeek
Rue Ransfort a Molenbeek, dove è in corso un blitz della polizia belga

Molenbeek, Abdeslam Salah arrestato?

Le forze dell’ordine del Belgio stanno effettuando nuove perquisizioni nel quartiere di Molenbeek alla periferia di Bruxelles, in collegamento con gli attentati di venerdi’ a Parigi. Molenbeek, 80 mila abitanti, a maggioranza islamica, è già stato al centro di varie indagini anti-jihad e lì vivevano due dei kamikaze identificati. Il procuratore di Parigi ha intanto annunciato che Samy Amimour, uno dei kamikaze identificati, era oggetto di un mandato d’arresto internazionale dopo avere violato nel 2013 la procedura di controllo giudiziario. L’operazione di polizia in corso a Bruxelles punta ad arrestare il sospetto chiave degli attentati a Parigi, Salah Abdeslam, riuscito a fuggire dopo le stragi di venerdì sera. Lo ha indicato la procura belga alla France Presse. Nel quartiere di Molenbeek, a Rue Delaunoy dove è in corso il blitz delle teste di cuoio, è intanto stata avvertita una piccola detonazione.
rue ransfort 47 49 molenbeek
Secondo RTL,Abdelhamid Abaaoud sarebbe stato identificato come lo sponsor di attentati a Parigi. Marocchino di 28 anni, era entrato nelle fila dello Stato Islamico in Siria, ed era considerato uno dei carnefici del Daesh più attivi. Abaaoud avrebbe supervisionato l’operazione nella capitale francese ed è stato, secondo la RTL, in diretto contatto con i kamikaze. Secondo la ricerca, all’inizio di quest’anno si sono perse le sue tracce mentre era diretto in Grecia. Da quel momento è latitante. Tra gli autori della strage ci sono Salah AbdeslamIbrahim Abdeslam e Bilal Hadfi: Il primo è ricercato da ieri in Francia e in Belgio dopo che è sfuggito a un controllo alla frontiera franco-belga alle 8 del mattino di sabato a Cambrai. Abitava nel quartiere di Molenbeek a Bruxelles insieme a un fratello morto negli attentati. Gli inquirenti francesi pensano che il commando che ha colpito venerdì sera allo Stade de France, al teatro Bataclan e nei ristoranti di Xéme e XIéme arrondissement possa essere composto da venti persone. Oltre ai sette terroristi morti si cercano quindi altri tredici fiancheggiatori.Brahim Abdeslam, 31 anni, si è fatto esplodere venerdì sera all’interno di un caffè affollato. Suo fratello di 26 anniSalah, che avrebbe affittato una macchina che è stata usata in uno degli attacchi, e ora è in fuga. Un terzo fratello senza nome è stato fermato in Belgio.

Salah Abdeslam, Ibrahim Abdeslam e Bilal Hadfi
Bilal Hadfi: identificato come uno degli attentatori di Parigi insieme ai fratelli Abdeslam

C’è stato intanto un allarme bomba nelle adiacenze del quartiere europeo: lo riporta la tv belga Rtbf, secondo cui ci sarebbe un veicolo sospetto parcheggiato vicino a un palazzo delle istituzioni europee.