Cultura e scienze

Miriana Trevisan spiega perché è schifata all’idea del suo poster in camera di Salvini

miriana trevisan salvini

Matteo Salvini sabato alla festa del suo compleanno ha fatto sapere di aver avuto in camera da ragazzo il post di Miriana Trevisan, showgirl lanciata da Non è la Rai e poi passata per i programmi d’intrattenimento Mediaset. Lo stesso Salvini ha aggiunto che la Trevisan quando lo ha saputo si è detta “schifata” della circostanza. Ora Candida Morvillo intervista per il Corriere della Sera la stessa Miriana che rivela il motivo del suo “schifo”:

Perché si è detta schifata?
«Perché no? Il gusto non si discute. Sull’argomento mi sono già negata nel 2014. Ne aveva parlato lui alla radio. Ho rifiutato l’intervista. Ho mandato una mail, non mi ricordo neanche che ho scritto».
Glielo dico io: «Non ho alcun interesse per i gusti giovanili di Salvini, che personalmente non stimo».
«Ecco, giusto così. Non ho niente da aggiungere».
Non ha cambiato idea? Lui è ora ministro, magari ne ha apprezzato l’abilità politica…
«Mmh…».
Perché ride?
«Senta, io non faccio di tutta l’erba un fascio… Ci sta proprio questo termine, non trova?».
Quale? «Fascio»?
«Non mi permetto, però non apprezzo le persone che istigano alla violenza. Lui, a volte, fa una propaganda troppo forte».
Su cosa? Immigrati?
«Io tendo a riconoscere gli altri come esseri umani. Penso che l’odio porti odio. Le persone non possono diventare uno scarto. Né sidovrebbe creare emarginazione o alimentare la paura o istigare la rabbia».
Molte donne considerano Salvini un bell’uomo.
«Non l’avrei mai immaginato… È una cosa che mi fa sorridere».
Lei non lo trova bello?
«Io no».

Insomma, ce n’è abbastanza per dire “La sinistra riparta da Miriana Trevisan”. Anzi, se mancasse ancora un po’ di spazio si potrebbe riempire con l’ultima risposta: «Per me, il potere è essere integri, avere onestà e un senso di giustizia molto alto. Io sono apolitica, ma ho idee che sono sfumature di pace, di serenità, e mai di voler male agli altri».

Leggi anche: Le Iene e il servizio “scomparso” su Giulia Sarti e Bogdan Tibusche