Fatti

Gli insulti a Kylian Mbappé per la sua presunta frequentazione con la modella transgender Ines Rau

Tra le persone che hanno criticato Mbappé per la presunta frequentazione con Rau c'è Mario Adinolfi

neXt quotidiano|

Mbappé Rau

In questi giorni il calciatore francese Kylian Mbappé è oggetto di molte critiche e insulti da parte degli utenti dei principali social network a causa della sua presunta frequentazione con la modella francese transgender Ines Rau. Mbappé è attaccante della squadra di calcio Paris Saint-Germain e della nazionale francese ed è diventato molto noto per la sua partecipazione ai Mondiali di calcio che quest’anno si sono svolti in Qatar e che si sono conclusi domenica scorsa con la vittoria dell’Argentina contro la Francia. Mbappé tende a tenere la propria vita sentimentale privata, tuttavia era stato paparazzato insieme a Rau durante il Festival di Cannes. Inoltre, nello stesso periodo Rau avrebbe dichiarato in un’intervista a Elle di aver «trovato un ragazzo che mi accetta per come sono» dando modo a molti di pensare che si riferisse proprio a Mbappé.

Il tweet di Adinolfi sulla presunta frequentazione tra Mbappé e Rau

Tra le persone che hanno criticato Mbappé per la presunta frequentazione con Rau c’è Mario Adinolfi, fondatore del partito Il Popolo della Famiglia e noto per le sue posizioni omofobe e transfobiche. Proprio durante la partita finale dei Mondiali di calcio, Adinolfi ha fatto riferimento al titolo di un articolo della Gazzetta dello Sport, Mbappè, la sua arma segreta è la fidanzata Ines, modella transgender, in un tweet in cui ha scritto:  «E la chiamano “arma segreta”. Ragazzo mio, è da Renzi 2016 (legge Cirinnà), che spiego che certe frequentazioni anomale stancano e portano male. Mbappè caro, la “fidanzata” iperaccessoriata è sgradita a Maria. E Di Maria vi suona». La frase di Adinolfi faceva riferimento al vantaggio di due a zero dell’Argentina sulla Francia raggiunto grazie al goal del calciatore Ángel Di Maria. Poco dopo Adinolfi ha rimosso il tweet in questione ma sui social hanno continuato a diffondersi commenti offensivi e critici riguardanti la vita privata di Mbappé e di Rau. Alcuni di questi sono stati raccolti in un post pubblicato su Facebook da Iacopo Melio.