Fatti

Martina Luoni: è morta di cancro la ragazza che aveva spiegato l’importanza della mascherina

La 27enne si è spenta dopo aver lottato contro il cancro. La sua storia era diventata di dominio pubblico lo scorso novembre, quando il suo intervento a Milano venne rinviato a causa della situazione pandemica e trovò disponibilità a Napoli

Martina Luoni

La sua storia era diventata di dominio pubblico lo scorso novembre, quando dopo una serie di appelli aveva ottenuto il via libera all’operazione da parte dell’Istituto Pascale di Napoli. Quasi 600 chilometri di viaggio, necessari perché nella sua Milano non aveva trovato spazio per proseguire nella sua lotta contro il cancro. La situazione negli ospedali lombardi, infatti, era ancora nella fase più critica a causa della pandemia e molti nosocomi avevano rimandato gli interventi già programmati. Poi era diventata anche testimonial anti-Covid per la Regione Lombardia, spiegando l’importanza dell’uso della mascherina. Ora, però, Martina Luoni è morta a soli 27 anni.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Martina Luoni (@marty_luoni)

Martina Luoni è morta, la 27enne era diventata testimonial anti-Covid

“Oggi la leonessa ha perso la sua battaglia, ora la sua bussola la porterà a caccia di nuovi tramonti, quelli che ha sempre sognato, sempre con il sorriso sulle labbra che nessuno potrà mai spegnere. Da oggi chiunque guarderà un tramonto si ricorderà della leonessa Martina”. Questo è quanto è stato scritto sulla sua pagina social da chi ha voluto condividere la tragica notizia della sua morte. La sua battaglia era iniziata mesi fa, prima dell’intoppo dovuto alla pandemia.

In uno dei suoi ultimi messaggi pubblicati sulla sua pagina Instagram si era detta stanca di lottare contro questo male che si è rivelato incurabile. Parole di dolore, ma anche una grande voglia di vivere.

“La verità? Sono stanca. Stanca di essere forte, stanca di sopportare i dolori e i malesseri, stanca di essere chiamata leonessa, stanca… semplicemente stanca. Perché si, quando mi sono ammalata la prima volta ho tirato fuori tutto il coraggio e non ho mai abbassato la testa. Perché a me è successo così, la prima volta ero “fresca”, avevo le forze di andare avanti come un treno nonostante le difficoltà. Poi però, purtroppo, succede che la prima volta diventa la seconda, terza, quarta e arrivi alla consapevolezza che uscirne è sempre più difficile, perché i miglioramenti che vorresti non arrivano e il corpo è sempre più stanco e debilitato”.

A luglio aveva iniziato una nuova terapia sperimentale per sconfiggere il cancro, ma questo non è stato sufficiente.

Il ricordo di Attilio Fontana

“Stento ancora a crederci – ha detto il Presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana -. Martina Luoni, la giovane di Solaro che ha contribuito in maniera convinta e importante a sostenere la nostra campagna per contrastare il Covid, ci ha lasciati. La malattia, che l’affliggeva da tempo, purtroppo ha avuto il sopravvento. Non dimenticheremo mai il suo sorriso. L’energia di una ventisettenne caparbia e determinata. Il suo sguardo solare con cui, camminando sul belvedere di Palazzo Lombardia, invitava tutti a combattere contro il virus”.

(foto: da Instagram)