Fatti

Lo schifo di quei francesi che invocano il karma per la tragedia di Mottarone dopo la vittoria dei Maneskin

Sui social sono comparsi alcuni post di utenti transalpini che collegano il crollo della funivia di Stresa alla vittoria di Damiano&Co. all’Eurovision

Mottarone Maneskin

Mentre l’Italia si è stretta in un abbraccio virtuale dopo la tragedia della funivia di Mottarone e ha avviato le indagini per capire la dinamica di quanto accaduto, in Francia si verifica un fenomeno a cui noi italiani siamo – purtroppo – abituati. E i social, non per loro natura ma per viltà di chi li utilizza, diventano il classico strumento per sfogare il proprio odio. Un fenomeno che diventa ancor più paradossale quando vengono messi in correlazione due eventi che – per loro natura – non hanno alcun collegamento tra loro. E così i nostri “vicini” transalpini riescono a creare una vergognosa unione “Mottarone Maneskin”, parlando di karma. E non solo.

Mottarone Maneskin, i francesi che sui social parlano di karma

Sui social la non-vergogna corre sovrana. Ed ecco che, poche ore dopo la tragedia di Stresa – che ha portato alla morte di 14 persone, tra cui due bambini, e il ferimento di un altro minore che ha perso tutta la sua famiglia nel crollo della funivia – sono comparsi tweet come questo, in cui si collega quanto accaduto in Piemonte alla vittoria dei Maneskin all’Eurovision.

“L’Italia che vince il giorno prima grazie a un binario (striscia, ndr) e perde una funivia il giorno dopo per lo stesso motivo. Le droghe sono una merda”, scrive questa illuminata utente che è riuscita nell’imponderabile artifizio di collegare questi due fatti. Ma non è l’unica.

“L’euforia per l’Eurovision spazzata via dalla caduta di una funivia. Forse hanno ballato lì quando hanno sentito la vittoria nazionale e tutto ciò che si è messo in moto, in sintonia con i cavi della cabina. Ecco qua!”, commenta questo altro fenomeno della rete non in grado di fermare i propri istinti. Neanche quando si parla di vite umane andate perdute in questa tragedia. E se quel che abbiamo letto finora sembra vergognoso, ecco un altro esempio di uno schifo senza limiti. 

Il karma. L’utente in questione ha avuto la saggia idea di scrivere quella stupidaggine, prima di rimangiarsi quelle parole e rimuovere il tweet. Ma qualcuno, più lesto, si è trovato questo schifo davanti agli occhi e lo ha immortalato. Perché la vergogna non può essere cancellata con un colpo di spugna.

(foto IPP/picture alliance)