Cultura e scienze

Le vignette di Giannelli che hanno fatto arrabbiare i renziani

giannelli renziani

Da qualche tempo l’internet ha scoperto l’esistenza di Emilio Giannelli, perdibilissimo vignettista del Corriere della Sera finito ingiustamente nelle polemiche per una vignetta sui profughi invasori qualche tempo fa quando è da anni che ne fa di orribili. Da qualche giorno Giannelli ha poi dedicato la sua “arte” all’affluenza alle primarie del Partito Democratico e al godibilissimo (!) paragone con gli sbarchi. Quella di ieri poi arrivava a vette di grandissimo umorismo infilando sbarchi, scampagnate al mare degli italiani e l’affluenza flop alle primarie del PD.
vignetta giannelli
Ovviamente è stato inutile, da parte della meritoria pagina facebook Capire Giannelli, spiegare il significato recondito delle opere del Vate: «Il Maestro villeggia a Castiglione della Pescaia già da venerdì pomeriggio, dove peraltro ha la televisione ma senza il televideo e senza il fax, e la mattina ha consegnato le vignette del weekend. Quella che vedete oggi non è una cinica considerazione sui migranti né una presa in giro sui vuoti gazebo delle primarie PD, ma in realtà è un preciso atto d’accusa contro il turismo mordi e fuggi che invade la sua Castiglione della Pescaia e le altre località turistiche, creando code, ingorghi e disservizi vari. Ed è proprio sull’episodio posto in mezzo che il Nostro riserva i maggiori dettagli, tra 128, vecchi Maggiolini e auto senza autisti». Anche perché c’era un precedente assai vistoso, quello del giorno prima:
giannelli renziani
E oggi? Oggi che l’affluenza ha invece fornito buoni risultati Giannelli ha virato sul sindacalismo. Peccato, ci sarebbe stato bene un disegno sui cinesi ai seggi.
giannelli vignette

Leggi sull’argomento: Tutti i voti persi dal PdR