Opinioni

La targa di Peppino Impastato distrutta a Bitonto

Michele Abbaticchio, sindaco di Bitonto (Ba) dal 2012, vicesindaco della città metropolitana di Bari dal 2016 e tra i fondatori di Italia in Comune, ha raccontato poco fa sulla sua pagina facebook che qualcuno ha avuto la bella idea di distruggere la targa di Peppino Impastato e prendere a sassate l’insegna luminosa con la frase “la mafia uccide, il silenzio pure” ieri sera nella sua cittadina.

Stanotte, mentre i nostri tecnici installavano le frasi e i nomi degli autori che sono morti per combattere le mafie in vista dell’inaugurazione di stasera, in via San Luca ignoti dalle teste disabitate hanno deciso di aggredire a sassate la frase “LA MAFIA UCCIDE, IL SILENZIO PURE”. Riuscendo a distruggere il nome e cognome dell’autore, il grande Peppino Impastato

impastato targa distrutta 1

impastato targa distrutta

Ma Abbaticchio non sembra aver voglia di desistere: “Informo i gentilissimi, visto che abbiamo evidentemente colto nel segno, che le iniziative culturali si ripeteranno ossessivamente proprio dove dimostrate che vi stiamo dando fastidio. Quelle frasi ve le imprimeremo in testa, davanti alla vostra casa. Continuate pure e vi ricorderemo, per ogni giorno della vostra esistenza, cosa significa la porcheria al quale avete consegnato la vostra vita”.

Leggi anche: Le restituzioni del M5S tra Maldive e altre scuse improbabili