Opinioni

La storia del treno di carri armati in giro per l'Italia

“Probabilmente si tratta di allarmi ingiustificati, ma in un contesto come questo credo sia opportuno un chiarimento del ministro della Difesa sul convoglio di carri armati transitato lungo la linea ferroviaria adriatica il 16 novembre scorso”, afferma l’onorevole Lara Ricciatti di Sinistra Italiana, che ha depositato questa mattina una interrogazione parlamentare in merito alla notizia circolata nelle scorse ore sull’avvistamento di numerosi carri armati trasportati via treno. “Un clima di apprensione comprensibile dopo gli eventi di Parigi, che porta molti cittadini a chiedersi cosa stia realmente accadendo, anche a seguito degli annunci di possibili interventi militari. E’ necessario chiarire questi dubbi – conclude Ricciatti – ed evitare la diffusione di informazioni allarmanti o poco chiare. Per questo ritengo utile un chiarimento ufficiale del vertice della Difesa, al fine di tranquillizzare i cittadini sull’episodio”. Come è nata questa storia?
Ovviamente su Facebook. Dove da un giorno e mezzo c’è chi segnala treni di carri armati che transitano in molte stazioni, tra cui quella di Lamezia, Mongrifone, Savona, Fabriano. Una delle foto che circola è questa:
carri armati treno stazione 1
Un’altra è questa:
carri armati treno stazione 2
E infine c’è questa, tratta da IVG.it:
carri armati treno stazione 3
Come vedremo, solo alcune di queste segnalazioni sembrano autentiche. Ieri IVG, a proposito dell’ultima foto, ha spiegato che:

Il convoglio è effettivamente esistito, ma non è transitato da Savona, bensì sulla linea adriatica. A “tradire” la foto, come fatto notare da diversi lettori che frequentano abitualmente la stazione savonese, la forma dei pilastri che sostengono le pensiline: a Savona sono di forma diversa, rastremati in basso e di sezione maggiore verso l’alto. L’immagine in questione, invece, è stata scattata ieri sera nella stazione di Fabriano e da lì postata sui social network.

Protezionehoax precisa che «il convoglio era destinato al poligono militare di Capo Teulada, in Sardegna. Il trasporto dei mezzi blindati, infatti, era noto ed uno degli imbarchi possibili per raggiungere il poligono è quello di Porto Vado, che dunque era una probabile meta per quel treno. Il 6 novembre scorso si è conclusa proprio a Capo Teulada l’esercitazione militare della Nato denominata Trident Juncture, la più grande dalla fine della II guerra mondiale.». La seconda foto risale al giugno del 2005 e ad una mostra di rotabili storici che è andata in scena a Rimini dieci anni fa, organizzata da Trenitalia. È quindi tecnicamente una bufala. La prima invece, secondo quanto si trova in rete, sarebbe stata scattata a Lamezia Terme e di lì transitata su Internet dove però a volte altri luoghi vengono segnalati. Ma la stazione di Lamezia Terme non sembra somigliare molto a  quella della foto.