Opinioni

La multa alla RAI per le frasi di Grillo da Santoro

È confermata la sanzione da oltre 50mila euro inflitta dall’Agcom alla Rai per aver trasmesso nella trasmissione ‘Anno Zero’ di Michele Santoro del 2008 alcune dichiarazioni di Beppe Grillo nei confronti dell’allora Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e del professor Umberto Veronesi, ritenute offensive. L’ha deciso il Tar del Lazio con una sentenza con la quale ha respinto un ricorso proposto dall’azienda televisiva. L’Autorità con una delibera del 21 gennaio 2009 sanzionò la Rai “per aver trasmesso nel corso del programma ‘Anno Zero’ andato in onda il 1° maggio 2008 brani della manifestazione di Beppe Grillo tenutasi il 25 aprile 2008 a Torino nei quali lo stesso Beppe Grillo ha utilizzato nei confronti del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e del Professor Umberto Veronesi espressioni offensive e perciò lesive dell’onorabilità e della dignità della persona”.
beppe grillo ius europeum - 2
Ne è nato un contenzioso amministrativo oggi deciso dal Tar con una sentenza con la quale ha stabilito che “il ricorso non è fondato”. La responsabilità della Rai, per il Tar “non può essere esclusa semplicemente osservando che la trasmissione è andata in onda in diretta”; anche perché “le dichiarazioni ritenute diffamatorie non sono affatto state pronunciate ‘in diretta’, ma sono state profferite nel corso di un comizio che si era tenuto qualche giorno prima“, e “la ricorrente ben avrebbe potuto esercitare i dovuti controlli, trattandosi di dichiarazioni registrate e preventivamente selezionate ai fini della loro messa in onda”.