La macchina del funky

«La Germania vuole sottomettere anche l'Italia»

Yanis Varoufakis, ex ministro delle Finanze della Grecia, si fa intervistare da El Paìs e Repubblica e parla di un piano tedesco che intende creare una sorta di supercommissario per abrogare le prerogative nazionali degli Stati, dicendo anche che Parigi è l’ultima tappa di un percorso che passa per Madrid e Roma dopo aver attraversato la Grecia. Un estratto dell’intervista a firma di Claudi Pérez:

Cosa si aspetta nei prossimi mesi?
«L’accordo è programmato per fallire. E fallirà. Siamo sinceri: il ministro tedesco Wolfgang Schaeuble non è mai stato interessato a un’intesain grado di funzionare. Ha affermato categoricamente che il suo piano è ridisegnare l’eurozona: un piano che prevede l’esclusione della Grecia. lo lo considero come un gravissimo errore, ma Schaeuble pesa molto in Europa. Una delle maggiori mistificazioni di queste settimane è stata quella di presentare il patto tra il nostro governo e i creditori come un’alternativa al piano di Schaeuble. Non è coli. L’accordo è parte del piano Schaeuble».
La Grexit è ormai scontata?
«Speriamo di no. Ma mi aspetto molto rumore, e poi rinvii, mancato raggiungimento di obiettivi che di fatto sono irraggiungibili, e l’aggravamento della recessione, che finirà per tradursi in problemi politici. Allora si vedrà se l’Europa vuole davvero continuare a portare avanti il piano di Schaeuble oppure no».
Schaeuble ha suggerito di togliere poteri alla Commissione, e di applicare le regole con maggior durezza Se sarà lui a vincere la Grecia è condannata?
»C’è un piano sul tavolo, ed è già avviato. Schaeuble vuole mettere da par te la Commissione e creare una sorta di super-commissario fiscale dotato dell’autorità di abbattere le prerogative nazionali, anche nei Paesi che non rientrano nel programma. Sarebbe un modo per assoggettarli tutti al programma. Il piano di Schaeuble è di imporre dovunque la Troika: a Madrid, a Roma, ma soprattutto a Parigi».

varoufakis piano b grexit
Yanis Varoufakis in una foto del 1993 durante un dibattito televisivo in Grecia

A Parigi?
«Parigi è il piatto forte. È la destinazione finale della troika. La Grexit servirà a incutere la paura necessaria a forzare il consenso di Madrid, di Roma e di Parigi».
Sacrificare la Grecia per cambiare la fisionomia dell’Europa?
«Sarà un atto dimostrativo: ecco cosa succede se non vi assoggettate ai diktat della Troika. Ciò che è accaduto in Grecia è senza alcun dubbio un colpo di Stato: l’asfissia di un Paese attraverso le restrizioni di liquidità, per negargli l’imprescindibile ristrutturazione del debito. A Bruxelles non c’è mai stato I’ interesse di offrirci un patto reciprocamente vantaggioso. Le restrizioni di liquidità hanno gradualmente strangolato l’economia, gli aiuti promessi non arrivavano; c’era da far fronte a continui pagamenti a Fmi e Bce. La pressione è andata avanti finché siamo rimasti senza liquidità. Allora ci hanno imposto un ultimatum. Alla fine il risultato è uguale a quando si rovescia un governo, o lo si costringe a gettare la spugna».
Quali gli effetti per l’Europa?
«Nessuno è libero quando anche una sola persona è ridotta in schiavitù: è il paradosso di Hegel. L’Europa dovrebbe stare molto attenta. Nessun Paese può prosperare, essere libero, difendere la sovranità e i suoi valori democratici quando un altro Stato membro è privato della prosperità, della sovranità e della democrazia».

Leggi sull’argomento: Il programma del Fronte Nazionale di liberazione dall’euro