Opinioni

La diretta interrotta del discorso di Virginia Raggi sui Trattati di Roma

Virginia Raggi aveva appena iniziato a parlare nel suo discorso di saluto ai 27 capi di Stato e di governo giunti in Campidoglio per l’anniversario della firma dei Trattati di Roma che diedero vita alla Comunità Europea quando la diretta TV si è interrotta e la RAI è tornata in studio dove Marco Frittella è tornato a dialogare con i suoi ospiti sul primo canale prima di mandare la pubblicità. La pagina Facebook della Raggi aveva appena annunciato la diretta e il blog di Beppe Grillo l’aveva ripresa con un post apposito quando la trasmissione si è interrotta.
virginia raggi discorso interrotto
Sui giornali di oggi si scriveva che lo staff della Raggi aveva contrattato e ottenuto la diretta tv per il saluto della sindaca di Roma ai capi di Stato dell’Unione Europea. Anche La Stampa segnalava la circostanza:

Il protocollo prevede che alle 9.05 abbiano inizio gli arrivi dei capi di governo. Ad accoglierli, in prima battuta, Paolo Gentiloni, Donald Tusk (presidente del Consiglio europeo) e il maltese Jospeh Muscat (presidente di turno dell’Unione). Diversi passi indietro, sulla porta del palazzo dei Conservatori, la sindaca, a cui spetta il benvenuto. Ma dopo 55 minuti e una lunga sequenza di strette di mano, i 27 capi di Stato e di governo più i rappresentanti delle istituzioni, anziché trasferirsi nella sala degli Orazi e Curiazi dove 60 anni fa furono firmati i Trattati di Roma – si tratteranno nella Sala Marco Aurelio dove la sindaca – previo trattativa col cerimoniale – ha ottenuto di fare un discorso in diretta tv. E quando arriverà il momento della foto di famiglia, Virginia Raggi ricomparirà.

Ma evidentemente c’è stato qualche problema. Il M5S ha reagito con questo fotogramma parlando di censura del TG1:
virginia raggi discorso 1
Ma qualcuno che l’ha ascoltato tutto c’è:


Il testo del discorso è stato poi pubblicato sul blog di Beppe Grillo:

Signore e Signori, Capi delegazione dei 27 Paesi dell’Unione Europea e delle Istituzioni europee, sono onorata di darvi il benvenuto a nome della città di Roma. Sessanta anni fa qui a Roma prese il via una avventura straordinaria. I padri fondatori della Comunità Europea – animati da uno spirito rivoluzionario non scontato – misero da parte le distanze tra Stati che avevano portato alla guerra. E diedero vita ad un progetto visionario con l’obiettivo di garantire pace e benessere agli Europei.
Per la prima volta nella Storia ci si trovò di fronte ad una scelta condivisa e non imposta da un vincitore, nata da un intento comune e dalla capacità di ascoltare i cittadini. Anche ora c’è necessità di pace: un pensiero va a Londra e alle vittime dell’attentato terroristico di mercoledì. Hanno attaccato tutti gli europei, Roma è con voi.
“Solidarietà”, “interesse dei popoli” sono parole comuni a Adenauer, De Gasperi, Monnet, Spinelli. Questa è l’Europa, quella solidale dei popoli, che nel lontano 1957 si immaginava e che in parte abbiamo avuto in eredità tutti noi. Una eredità gioiosa e impegnativa da proseguire.
Questa Europa non poteva realizzarsi in un giorno. Dobbiamo realizzarla noi, dobbiamo realizzare una comunità solidale. Stare insieme richiede impegno, soprattutto dopo anni segnati da una violenta crisi finanziaria che ha messo a nudo errori. Dobbiamo avere il coraggio di riconoscerli e rilanciare la sfida: la finanza non è tutto. E nessuno deve rimanere indietro.
La nostra generazione è chiamata a portare avanti quel sogno di Europa, ritornando allo spirito di quegli anni che oggi non c’è più e va recuperato. E’ stato Schuman ad ammonire che “l’Europa” sarebbe sorta “da realizzazioni concrete che creino anzitutto una solidarietà di fatto”. Tra i cittadini europei la solidarietà è già presente; le Istituzioni invece dovrebbero iniziare ad ascoltarli di più.
Le città avvicinano cittadini e Istituzioni che qui si incontrano: ascoltiamo i loro interessi, problemi, speranze. Noi sindaci siamo definiti “primi cittadini”: per questo, anche nei luoghi delle decisioni, dobbiamo far sentire forte la voce di chi chiede più lavoro, più inclusione sociale, più sicurezza.
I cittadini devono essere messi al centro del potere decisionale. Le politiche non devono essere imposte dall’alto ma rappresentare la volontà popolare, introducendo strumenti di democrazia diretta e partecipata. Vanno tenute “in conto le attese dei cittadini”. L’Europa o è dei cittadini o non è Europa. Alcuni trattati, come il Regolamento di Dublino, vanno rivisti. Un’Unione soltanto economica non può durare.
Lavoriamoci tutti insieme, aprendo porte e cuore ai cittadini. Solo con la partecipazione di tutti l’Europa sarà legittimata. L’unione può essere maggiore della somma delle sue parti. Questo concetto è alla base della cultura europea, all’interno della quale le diversità trovano valorizzazione nel rispetto delle identità nazionali.
Al Parlamento di Strasburgo, nel 2014, Papa Francesco ha chiesto: “Che cosa ti è successo Europa?”. Tante sono le risposte. Ma il Pontefice ha sottolineato che “le difficoltà possono diventare promotrici potenti di unità”. E’ questa l’opportunità della nostra generazione.
Sono presenti forze di coesione e di disgregazione. E’ fisiologico che sia così. Importante, però, è dare risposte concrete a chi denuncia insofferenza. Così è nata l’Europa: dalle richieste dei cittadini che i nostri padri fondatori hanno avuto il merito di saper ascoltare.
Buon lavoro.

Il discorso di Paolo Gentiloni invece è stato trasmesso interamente. Il discorso è stato successivamente pubblicato sulla pagina della Raggi, mentre Di Maio ha difeso la Raggi: «Il @tg1online che censura il saluto di @virginiaraggi al 60° trattati, è simbolo di un’Europa che vede solo ciò che gli fa comodo».