Sport

“Dio è Italiano”: un po’ troppo per un titolo di giornale sulla vittoria di Italia-Spagna?

Le prime pagine: tra Italia e Spagna è sfida a colpi di titoli. “Dio è Italiano”, titola il Corriere dello Sport. As risponde, “Porca miseria”. Ironia e sacralità, il day after è anche sui quotidiani

Euro2021 Italia Spagna Il corriere titola Dio è Italiano As Porca miseria

Questa mattina l’autorevole quotidiano sportivo Il Corriere dello Sport si è lasciato andare ad un titolo un po’ celestiale: “Dio è Italiano”, a tutta pagina. Non è difficile immaginare l’enfasi nella redazione del giornale questa notte, però forse in questo caso è un po’ sfuggita la mano.

Il confine tra sacro e profano è labile, soprattutto in Italia dove calcio e religione sono elementi di evidente importanza. Nel bene o nel male. Il quotidiano diretto da Ivan Zazzaroni ha lanciato forse un appello ai piani alti, evidentemente, in vista della finale di domenica. Un gioco di parole costruito con il goal di Chiesa autore della seconda rete in questo europeo, e ormai scaramanticamente abituato a festeggiare ogni marcatura sotto la stessa bandierina. Il suo primo goal in questa competizione era arrivato proprio a Wembley nei tempi supplementari contro l’Austria.

“Dio è Italiano” o “Porca miseria”? In Spagna orgoglio e simpatia sono in prima pagina

In termini di simpatia, forse ci hanno battuto i quotidiani spagnoli. Il titolo lanciato da AS è sicuramente uno dei più divertenti tra quelli di queste ore, il quotidiano madrileno ha infatti titolato “Porca miseria” e sotto l’immagine di Donnarumma che ferma il tiro di Morata dagli undici metri.

italia spagna porca miseria titoli giornali as

 

Chissà che il giornale molto vicino al Real Madrid non volesse strizzare l’occhio ad una bella partita e allo stesso tempo tirare un po’ le orecchie al commissario tecnico Luis Enrique per non aver convocato nessun dei galacticos. Sebbene poi fuori dalle convocazioni siano rimasti i soli Sergio Ramos, autore di una stagione tormentata dagli infortuni, e Carvajal, anche lui per troppo tempo fermo in stagione. L’orgoglio iberico lo trasmette il titolo di Marca che decide di focalizzarsi sull’abbraccio tra Luis Enrique e il suo Unai Simon, portiere lanciato dal primo minuto proprio dal tecnico ex Roma. Solo panchina per De Gea, anche lui autore di una stagione non eccezionale con i reds.