Fatti

I cori da stadio alla Sapienza per Giorgio Parisi dopo il Nobel per la fisica | VIDEO

neXt quotidiano|

parisi nobel accoglienza

Giorgio Parisi, il nuovo premio Nobel per la Fisica, è stato accolto con cori da stadio dalla sua comunità di studenti della Sapienza di Roma.  I ragazzi sono scattati in piedi e hanno iniziato ad applaudire gridando: ‘Bella Giorgio’.

Un riconoscimento umano oltre che accademico durato nel corso di tutta la giornata che lo ha visto incontrarsi con la Ministra Messa, a capo del comparto Università, e la Rettrice Polimeni, guida dell’Università La Sapienza di Roma.

Parisi è arrivato nell’Aula Magna del Palazzo del Rettorato accompagnato da un standing ovation, mentre il pianoforte intonava l’inno di Mameli per quello che è, questo sì, un vero monito di orgoglio italiano.

I cori da stadio alla Sapienza per Giorgio Parisi dopo il Nobel per la fisica | VIDEO

“Se sono arrivato a questo punto è perché mi sono arrampicati sulle spalle di giganti”. Ha iniziato citando Newton il Nobel per la Fisica 2021, Giorgio Parisi, parlando nell’Aula Magna del Rettorato de La Sapienza. Parisi ha poi scandito: “sta cambiando qualcosa in Italia per la scienza, ma spero che nella prossima finanziaria questo cambiamento venga in qualche modo implementato”, ha continuato Parisi che ieri ha vissuto il suo giorno d’oro anche per i media italiani. Nella serata di ieri è stato prima ospite di Zapping su Radio 1. Nel corso del programma radiofonico era tornato sul tema dei finanziamenti alla ricerca. “Spero sinceramente che nella Finanziaria ci sia un aumento di 1,2 mld per la ricerca, è possibile, però bisogna vedere quando la finanziaria sarà scritta se rimane solo lettera morta, o se, proprio in questo momento che sarebbe assolutamente necessario, arriva”. Poi è tornato sugli studi che lo hanno portato a questo grande successo durante diMartedì su La7, “Il motivo è connesso a una serie di studi che ho condotto dal 1979 ad oggi che hanno introdotto il tema della complessità nella fisica. Una serie di sistemi complessi sia a livello di atomi fino a sistemi sempre più grandi che riguardano anche il comportamento e il volo degli stormi di uccelli. Poi ho condotto studi anche sull’ecologia e i cambiamenti climatici”.