Economia

Grecia, il piano segreto contro il default

Il default della Grecia non è questione di se ma di quando. Atene, realisticamente, non riuscirà mai a rimborsare quel 175% di debito su PIL ai tassi di mercato: soltanto nei prossimi due anni dovrebbe restituire prestiti e pagare interessi per 22 miliardi, di cui 500 milioni a hedge funds. Per questo secondo Ettore Livini una soluzione di riparo dovrà prima o poi essere trovata:

Tantissimi soldi, molti dicono troppi, per un Paese che ha già bruciato in cinque anni il 25% del Pil e dove la disoccupazione viaggia al 25%. Nessuno però a Berlino e dintorni vuole fare regali troppo smaccati, per evitare che il giorno dopo l’eventuale accordo con Syriza bussino a Bruxelles anche Spagna, Portogallo e Irlanda chiedendo uno sconto sui fondi già ottenuti. E che magari in futuro persino l’Italia, problema a quel punto ben più serio per la Ue, pretenda una ristrutturazione dei suoi 2 mila miliardi di debito.

piano segreto default grecia
I numeri dell’economia greca (Repubblica, 7 gennaio 2015)

Il compromesso che auspica la Commissione è chiaro. E favorito dal fatto che l’80% dell’esposizione di Atene è proprio verso la Troika:

I prestiti di Fmi e Bce potrebbero essere restituiti integralmente. Per non mettere in discussione gli statuti delle due istituzioni — Eurotower non può prestare soldi per salvare stati nazionali — e non mettere in difficoltà Mario Draghi che ha già le sue belle gatte da pelare a causa dei guai del Partenone sul fronte del quantitative easing. Qualche margine c’è invece sui 195 miliardi (142 del Fondo salvastati e 53 di prestiti bilaterali) che la Grecia deve alla Ue. E qui dovrebbe venire in soccorso la finanza creativa: si parla di agganciare i rimborsi dei prestiti ai tassi di crescita dell’economia o al calo della disoccupazione. Oppure, o forse anche, di allungamento la loro durata e dell’esclusione dal calcolo del debito degli investimenti pubblici per qualche anno.
 

grecia troika
L’infografica del Sole 24 Ore sui soldi della Troika alla Grecia

Secondo il piano illustrato da Livini, Bruxelles potrebbe lasciar utilizzare a Tsipras 11,5 miliardi di euro per finanziare la crescita, e la Troika ammorbidire le richieste per il piano di aiuti, con l’ultima tranche di 7 miliardi in arrivo. Per l’IFO un fallimento della Grecia costerebbe 77 miliardi di soldi dei contribuenti tedeschi. L’Italia ha pagato 20 miliardi al fondo Salvastati, e ha prestato altri 10 miliardi ad Atene tra 2010 e 2011. Un po’ troppo in gioco per perdere tutto in un solo colpo.

Dodici infografiche sulla Grecia e il default


 
.