Fatti

La folle teoria dei no-vax che vede una correlazione tra la malattia di Fedez e il vaccino

@neXt quotidiano|

Fedez Giovanni Allevi messaggio-no-vax-malattia

Dopo l’annuncio di Fedez sulle sue condizioni di salute, domande su quale possa essere la malattia che ha colpito il rapper si sono susseguite senza sosta. E ora, a speculare sulle sue dichiarazioni, sono arrivati anche i no-vax, con l’ennesima – strampalata – teoria. L’ultima perla dei non vaccinati militanti infatti, vedrebbe una presunta correlazione tra la malattia del cantante (di cui però non si sa ancora nulla!) e il vaccino contro il Covid-19.

Nei giorni scorsi Fedez aveva fatto sapere di soffrire di un “problema di salute”, non specificato, che “per fortuna è stato trovato con grande tempismo. Questo comporta un percorso importante che dovrò fare”, aveva spiegato Fedez, e “che mi sento di raccontare sperando di riuscire a dare conforto anche solo a una persona che non ha la fortuna di essere circondata da tanti affetti come me”. Alle sue parole erano seguite grandi dimostrazioni d’affetto sui social ma anche tanta cattiveria gratuita, tra insulti pesanti e parole d’odio.

La folle teoria dei no-vax che vede una correlazione tra la malattia di Fedez e il vaccino

Ora, si sono aggiunti anche numerosi utenti no-vax, che su Twitter si stanno improvvisando esperti del settore medico e non, tra chi parla di “meritata punizione divina” per aver scelto di sottostare alle imposizioni ‘dittatoriali’ del Governo, a chi si ‘limita’ a chiedere a Fedez se sia  “Contento di aver fatto tre dosi di un vaccino sperimentale”.

Tra di loro poi, c’è perfino chi afferma che Fedez abbia la Sclerosi Multipla (confondendola con la malattia demielinizzante da cui il rapper ha dichiarato di essere affetto qualche anno fa) per colpa del vaccino che avrebbe “scombussolato” il sistema immunitario del cantante. Forse dimenticano che Fedez ha scelto di non rivelare, almeno per il momento, da quale malattia è affetto e che non ci sono basi per dichiarare che sia davvero la SM. Insomma, frasi e commenti gravissimi che ancora una volta strumentalizzano il dolore altrui per alimentare un dibattito sterile e nocivo.