Politica

L’emendamento anti-Cineblog del MoVimento 5 Stelle

Punisce con reclusione e multa la registrazione abusiva in locali di pubblico spettacolo, in tutto o in parte, di un’opera cinematografica o audiovisiva e dà la possibilità ai gestori di attivare sistemi di videosorveglianza nei cinema

Stretta su chi effettua registrazioni pirata di film, spettacoli e concerti. Lo prevede un nuovo emendamento della relatrice, Loredana Russo (M5s), depositato in commissione Istruzione e beni culturali del Senato al decreto Cultura (riguardante, tra le altre cose, anche le fondazioni lirico sinfoniche e il settore audiovisivo).

L’emendamento anti-Cineblog del MoVimento 5 Stelle

L’emendamento, che aggiunge due commi all’articolo 3 del provvedimento, interviene sulla legge per la protezione del diritto d’autore aggiungendo, ai casi che fanno scattare la pena della reclusione da 6 mesi a 3 anni e la multa da 2.582 euro ad un massimo di 15.493 euro, la registrazione abusiva in locali di pubblico spettacolo, in tutto o in parte, di un’opera cinematografica o audiovisiva. Inoltre arriva la possibilità per i proprietari o i gestori di sale cinematografiche, teatri e sale da concerto di installare sistemi di videoservaglianza dandone avviso e comunicazione adeguata agli utenti, per prevenire le registrazioni pirata degli eventi.

cineblog 1

L’emendamento sembra pensato apposta per i siti come Cineblog, ovvero il sito in cui vengono pubblicati da anni contenuti “rubati” dalle sale cinematografiche (dalle prime visioni dei film agli spettacoli in lingua) e che viene ogni volta oscurato dalla polizia postale e riapre qualche tempo dopo con un nuovo dominio. Il termine per la presentazione dei subemendamenti è stato fissato alle 17 di oggi pomeriggio. Un emendamento simile, poi dichiarato inammissibile, era stato presentato dalla maggioranza al decreto Sicurezza bis.

Leggi anche: «Un comunista di meno!»: così i fan di Salvini festeggiano la morte di Camilleri