Sport

Djokovic perde agli US Open e rompe la racchetta a terra prima di scoppiare in lacrime | VIDEO

Gambe bloccate, troppi pensieri e forse un traguardo storico che è pesato sulle gambe persino di uno come Djokovic. Il serbo perde la finale degli Us Open e dice addio al sogno Grande Slam

djokovic tennis us open grande slam

Niente Grande Slam per Novak Djokovic. Il serbo è stato infatti sconfitto dal russo Daniil Medvedev nella finale degli Us Open con il punteggio di 6-4, 6-4, 6-4 in due ore e 20 minuti di gioco. Per il russo, che è il numero 2 del mondo, si tratta della prima vittoria di un major in carriera.

Djokovic certo non rimarrà alla storia per la sua compostezza, agli albori della sua carriera era famoso per proiettarsi in belle imitazioni di altri tennisti. Poi con la maturità ha lasciato negli spogliatoi il completo la giullare, ed in campo ci è finito solo con il suo carattere travolgente. Lo stesso che ieri lo ha prima portato a devastare una racchetta, e poi lo ha costretto alle lacrime quando ha capito che non avrebbe più raggiunto il suo sogno.

Djokovic perde agli US Open e rompe la racchetta a terra prima di scoppiare in lacrime. La partita

Si è infranto a pochi passi dal traguardo il sogno di Novak Djokovic di completare il Grande Slam 52 anni dopo Rod Laver: la finale degli Us Open la vince il russo Daniil Medvedev, numero due del mondo che supera il serbo in tre set 6-4 6-4 6-4, e si aggiudica il primo Slam della sua carriera. Le lacrime di Nole, acclamato dal pubblico dell’Arthur Ashe, al cambio campo sul 4-5 del terzo set, sono l’immagine simbolo di questo match, come la racchetta distrutta dopo l’ennesimo errore.

Mezza Hollywood presente e l’arena come di rado capita di vedere nel tennis che ha parteggiato tutto l’incontro per uno solo, il più forte. Nulla è servito, Nole non ha vinto nonostante fosse venuto a celebrarlo dalle tribune anche Rod Laver, l’ultimo a completare il Grande Slam nel 1969, un record, che per il momento rimane all’australiano.