FAQ

Direzione PD, chi sta con chi

neXt quotidiano|

partito democratico roma 3

In questa infografica del Messaggero si riepilogano gli schieramenti all’interno della Direzione del Partito Democratico, convocata per il 3 maggio allo scopo di discutere la proposta di un contratto di governo tra MoVimento 5 Stelle e PD. Secondo l’infografica dei 209 componenti 117 sono attualmente schierati con Matteo Renzi e quindi sarebbero decisivi per bocciare qualsiasi ipotesi di accordo con i grillini. Nel mezzo, oltre alla pausa del Primo Maggio, ci sono anche le elezioni in Friuli che secondo alcuni potrebbero riaprire una riflessione nel centro-destra tra Lega e Forza Italia: Matteo Salvini non ha mai chiuso la porta al Movimento 5 Stelle, e al Colle hanno registrato anche questo passaggio.

direzione pd
L’infografica del Messaggero sugli schieramenti nella Direzione PD (27 aprile 2018)

Nessuna intesa, è il tam tam che ripetono i parlamentari vicino all’ex segretario del Pd che, conti alla mano, evidenziano come un eventuale governo tra i due partiti al Senato avrebbe a disposizione 161 voti, la maggioranza assoluta sul filo. Si potrebbe avere qualche voto in più coinvolgendo MDP, che per ora però non è citata negli schemi e nelle ipotesi di accordo tra grillini e DEM. Ma nonostante questo, l’appuntamento del 3 maggio rischia di diventare una resa dei conti interna. Anche se non ci sarà l”anticipo’ dei gruppi parlamentari: l’assemblea del Senato del 2 maggio resta convocata ma per completare l’ufficio di presidenza. “Il 3 potrebbe esserci uno scontro duro”, non nasconde uno dei big più vicini all’ex segretario. I renziani restano granitici su posizioni critiche, forti dei numeri che brandiscono sui rapporti di forza in Direzione. Su 209 componenti (maggioranza 105), 117 sarebbero i delegati renziani ‘doc’; 8 quelli vicini a Matteo Orfini, 3 a Graziano Delrio, 35 a Andrea Orlando, 14 a Michele Emiliano, 20 a Dario Franceschini, 9 a Martina, 2 i veltroniani e 5 i ‘cani sciolti’.

Leggi sull’argomento: Matteo Salvini pronto al governo con il M5S