Fatti

Ma è vero che AstraZeneca costa meno degli altri? Da Pfizer a Moderna, ecco quanto costano (davvero) i principali vaccini

Secondo Massimo Galli, questo potrebbe aver influito sulla vicenda che ha coinvolto il vaccino di Oxford

piano figliuolo dosi avanzate vaccini liste di riserva Costo vaccini anti-Covid

La bolla mediatica che si è creata attorno al vaccino Astrazeneca, in attesa del parere finale dell’Agenzia Europea del Farmaco, ha senz’altro alterato la percezione sulla sicurezza del prodotto anti-Covid anglo-svedese. Poi le decisioni dei vari governi (dalla Germania all’Italia, passando per Francia e Spagna, ma anche molti altri) hanno acuito ancora di più questo sentimento negativo, anche se le statistiche e gli studi sembrano rientrare nelle previsioni. Massimo Galli, infettivologo dell’ospedale Sacco di Milani, ha dato una sua versione di quanto accaduto. E la scienza, secondo lui, c’entra poco. Anzi, quasi nulla visto che si parla del costo vaccini anti-Covid. Ma è davvero così?

Costo Vaccini anti-Covid: i prezzi di acquisto nell’Unione Europea

Partiamo dalle parole pronunciate da Massimo Galli in collegamento con ‘Un giorno da pecora’, trasmissione in onda ogni pomeriggio su RaiRadio1: “La conclusione alla fin de conti è che AstraZeneca funziona. Costa meno di altri e questo può forse creare qualche problema a livello di contrattazione internazionale”. Insomma, secondo il noto infettivologo, il prezzo ridotto del vaccino anti-Covid anglo-svedese è uno dei fattori che ha portato a creare questa bolla mediatica. E si parla di contrattazioni.

Le differenze di prezzo evidenziate da Massimo Galli ci sono e sono presenti sui contratti stilati dall’Unione Europea con le varie case farmaceutiche (ovviamente non citiamo il russo Sputnik V, che ancora è in fase di revisione e che prevede una contrattazione singola dopo l’eventuale approvazione dell’Ema):

  • Pfizer-BioNTech (approvato): 12 euro;
  • Moderna (approvato): 18 dollari;
  • Oxford/AstraZeneca (approvato): 1,78 euro;
  • Johnson & Johnson (approvato, arriverà ad aprile): 8,50 dollari;
  • Sanofi/GSK (in ritardo, la produzione non inizierà prima della fine del 2021): 7,56 euro;
  • CureVac (che deve essere ancora approvato, probabilmente a maggio): 10 euro.

In attesa dell’Ema

Effettivamente, dunque, il prezzo del vaccino Astrazeneca è di gran lunga inferiore rispetto agli altri prodotti in circolazione (e in attesa di validazione da parte dell’Ema). E, in effetti, fin dall’origine si sapeva che il vaccino anglo-svedese sarebbe stato venduto al prezzo di costo.

Il ragionamento fatto da Galli, dunque ha delle basi molto solide. Ovviamente, però, non ci sono altrettanti basi solide per sostenere la tesi delle problematiche legate proprio al prezzo di acquisto del prodotto.