Trend

Cosa sta succedendo tra Rula Jebreal e Propaganda Live

La giornalista doveva essere ospite, questa sera, per parlare del conflitto tra Israele e Palestina. Ma non andrà

Rula Jebreal

Era stata inserita nell’elenco degli ospiti della puntata in programma questa sera, su La7. Ma, dopo aver visto la lista degli invitati, Rula Jebreal ha deciso di non partecipare a Propaganda Live. La giornalista era stata chiamata dalla trasmissione condotta da Diego Bianchi per parlare della situazione del conflitto tra Israele e Palestina. Dopo aver accettato, però, ha visto sui social i nomi delle persone che si alterneranno sul palco: solo ospiti maschili. Per questo motivo, in linea con il suo monologo dal palco di Sanremo 2020 sul rispetto per le donne, ha deciso di dire no.

Rula Jebreal si scaglia contro le scelte di Propaganda Live

Questo il posto social che ha provocato la reazione di Rula Jebreal.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Propaganda Live (@welikeduel)

“7 ospiti… solo una donna. Come mai?? Con rammarico devo declinare l’invito, come scelta professionale non partecipo a nessun evento che non implementa la parità e l’inclusione”. Così ha commentato la giornalista annunciando il suo rifiuto.

“Mi sembra solo un grande equivoco – ha detto all’Adnkronos il direttore di La7, Andrea Salerno – dovuto a un tweet che all’occhio di un persona che non conosce il nostro programma può essere stato fuorviante. Spero che l’equivoco rientri prima della diretta di questa sera perché ci tenevamo a parlare con lei del conflitto arabo-israeliano”. Poco dopo, infatti, il profilo Twitter di Propaganda Live ha pubblicato i nomi degli altri ospiti (fissi) della trasmissione: “Constanze Reuscher, Francesca Schianchi, Marco Damilano e Paolo Celata”. Insomma, altre due donne.

Ma Rula Jebreal, su Twitter, conferma la propria decisione: “Le mie parole al festival di Sanremo e il mio impegno per la parità e l’inclusione sono principi morali che guidano la mia vita. Non sono solo parole, sono scelte! La sottorappresentazione femminile nei media italiani è parte centrale del problema”.

(foto: IPP/Andrea Oldani )