Fatti

Coronavirus Lombardia: bollettino oggi 18 novembre

Dopo i 8448 nuovi positivi e i 202 morti di ieri la situazione dei contagi di Coronavirus  oggi in Lombardia con i dati del bollettino della regione:oggi 7.633 casi e 182 decessi

coronavirus oggi lombardia bollettino 18 novembre

Dopo i 8448 nuovi positivi e i 202 morti di ieri la situazione dei contagi di Coronavirus  oggi in Lombardia con i dati del bollettino della regione:oggi 7.633 casi e 182 decessi. Sono stati effettuati 38.100 tamponi. I pazienti in terapia intensiva sono 903 in aumento di 9. I ricoverati invece sono 8.323 in crescita di 172

Coronavirus Lombardia: bollettino oggi 18 novembre

Per quanto riguarda la ripartizione dei casi nelle province: Milano: 2.565, di cui 675 a Milano città; Bergamo: 257; Brescia: 351; Como: 795; Cremona: 188; Lecco: 132; Lodi: 134; Mantova: 239; Monza e Brianza: 677; Pavia: 395; Sondrio: 37; Varese: 1.683.

 

coronavirus oggi lombardia bollettino 18 novembre

Il Dpcm stabilisce che, quando si entra in una fascia, i dati in miglioramento debbano confermarsi per almeno due settimane prima di poter passare a minori restrizioni. Quindi, fino al 27 novembre la Lombardia resta in ‘fascia rossa’, ma al di là del ”colore” la grande differenza è fatta dal rispetto individuale delle regole”. Lo scrive su Facebook il governatore Attilio Fontana. ”La Lombardia -spiega- ha iniziato una fase di leggero ma significativo miglioramento. L’Rt è sceso e in base ai numeri già oggi saremmo considerati in ‘fascia arancione’. Sono i primi miglioramenti determinati dall’ordinanza regionale del 22 ottobre, perchè gli effetti delle misure contro il covid si vedono dopo almeno due settimane. Quindi, tra qualche giorno dovremmo iniziare a vedere anche i benefici derivanti dal lockdown nazionale. Questi risultati, merito di sacrifici, devono indurre tutti i lombardi a continuare a rispettare le regole del distanziamento e dell’uso delle mascherine, per consolidare il trend”.

Leggi anche: Coronavirus Italia: il bollettino del 18 novembre e i dati della Protezione Civile