Trend

"Sorelle del mondo", Claudia Gerini si taglia una ciocca di capelli per esprimere vicinanza alle donne iraniane | VIDEO

neXt quotidiano|

Claudia Gerini

Un gesto simbolico che sta diventando universale. Mentre in Iran proseguono le violenze e gli arresti, moltissime personalità del mondo della politica (a livello mondiale), del cinema, della musica e dei social hanno deciso di partecipare alla campagna #HairForFreedom: tagliarsi una ciocca di capelli per esprimere vicinanza a tutte le donne vittime del regime iraniano. Manifestazioni iniziate dopo la morte di Mahsa Amini, una giovane arrestata per aver indossato male il velo. E anche l’attrice romana Claudia Gerini ha voluto prendere parte a questa iniziativa.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Claudia Gerini (@geriniclaudia)

Claudia Gerini si taglia una ciocca di capelli contro le violenze in Iran

“Sorelle del mondo. Unite”. Questo è il messaggio che compare al fianco del video condiviso da Claudia Gerini sulla sua pagina Instagram. Un messaggio chiaro che sta unendo tutto il mondo, una condanna universale contro l’Iran e la sua repressione (non solo per quel che riguarda le manifestazioni, ma anche per i più basilari diritti civili che non sono concessi alle donne). Nei giorni scorsi, aveva preso parte a questa iniziativa anche la sindaca di Marzabotto (e Presidente del PD) Valentina Cuppi. Ma anche altri molti personaggi del mondo dello spettacolo stanno compiendo lo stesso gesto.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Juliette Binoche (@juliettebinoche)

Iniziativa universale. Su Instagram, infatti, Juliette Binoche ha pubblicato un video in cui, come Claudia Gerini e altro, si taglia una ciocca di capelli. Poi il video si conclude citando Mahsa Amini e una versione di “Bella Ciao”. La mobilitazione mondiale, dunque, prosegue sfruttando la potenza del messaggio condiviso sui social. Una ciocca di capelli per la libertà delle donne di tutto il mondo, partendo dall’Iran per arrivare anche ad altri Paesi in cui i diritti civili sono stati cancellati (o non sono mai esistiti).