Politica

La figuraccia di Carlo Sibilia sullo stipendio di Boeri

carlo sibilia boeri

Carlo Sibilia ieri ha voluto dare un’altra dimostrazione della sua utilità pubblicando su Twitter un banner in cui attacca chi attacca il reddito di cittadinanza mostrando gli stipendi dei critici. L’idea sottesa è che chi guadagna di più si oppone a un sussidio ai poveri perché “è mosso da una cupa malizia e un odio che non conosce confini”, come Sauron nel Signore degli Anelli. E giù di seguito ecco i nomi di Cottarelli (che guadagnerebbe, secondo Sibilia, 140mila euro l’anno), Boeri (102mila), Fedeli (182mila), Calenda (166mila) e Monti (462mila).

carlo sibilia boeri

Ovviamente Sibilia non si è accorto di quello che gli ha fatto notare stamattina Aldo Grasso sul Corriere della Sera:

Senza accorgersi che a Boeri dovrebbe fare un monumento: pur gestendo miliardi di patrimonio, milioni di pensionati e migliaia di dipendenti, dall’Inps ha ricevuto 102.000 euro lordi. Fare i conti in tasca agl ialtri è sempre un esercizio da poveri di spirito. Tra molte gaffe, Sibilia è famoso perché nella sua militanza politica ha sostenuto che lo sbarco sulla Luna è una farsa, ha più volte messo in dubbio gli attentati terroristici degli ultimi anni (Charlie Hebdo, Parlamento canadese), insinuando una regia occulta e si è attivato contro i vaccini.

Ma soprattutto, in molti hanno notato che se il compenso lordo di Boeri all’INPS è di 102mila euro l’anno, questo significa che Boeri, che gestisce miliardi e pensioni, guadagna molto meno di Sibilia, ma in realtà il reddito del sottosegretario nel 2017 è stato di 98mila euro e spicci, qualcosina di meno rispetto al presidente dell’INPS. E quando andrà via Boeri le cose per i consiglieri INPS miglioreranno, visto che è stata abolita la Busta Arancione per recuperare 700-800 mila euro che serviranno a pagare i membri del consiglio di amministrazione.  Anche se c’è un punto importante: «Qualunque sia lo stipendio di Sibilia, commisurato alla sua intelligenza delle cose, è sempre troppo», conclude Grasso.

Leggi sull’argomento: Rimborsi ai truffati: perché Di Maio e Salvini sono stati contestati a Vicenza