Opinioni

La richiesta di rinvio a giudizio per Carlo Rienzi (Codacons) per diffamazione

La procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio del presidente del Codacons Carlo Rienzi con l’accusa di diffamazione ai danni del presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss) Gualtiero Walter Ricciardi. Chiesto il processo anche per Nicola Basilico, collaboratore dell’ associazione a difesa dei consumatori, “perché, in concorso fra loro – si legge nella richiesta di rinvio a giudizio firmata dal pm Paolo D’Ovidio -, redigevano (il Rienzi) e diffondevano (il Basilico) o comunque facevano distribuire nei pressi del ministero della Salute alcune centinaia di copie di un volantino dal titolo ‘Comitato vaccini Covasi (del Codacons, ndr)’ il cui contenuto deve qui intendersi integralmente riportato e con il quale si offendeva l’onore e la reputazione” di Ricciardi, “che veniva falsamente indicato in conflitto di interessi con la carica ricoperta per essere lo stesso sponsorizzato da quattro aziende produttrici di vaccini e in particolare la Crucell, Pfizer e la Sanofi Pasteur Msd”. Il presunto reato sarebbe stato commesso il 3 novembre 2016. Sulla richiesta di processo si pronuncerà il Gip.
carlo rienzi codacons
Ma già a ottobre Rienzi aveva annunciato una class action, un ricorso al Tar e un esposto nei confronti di Ricciardi per procurato allarme: nel mirino del Codacons il monito dello scienziato sul calo delle vaccinazioni anti-morbillo, che avrebbe provocato un numero “elevato di casi, alcuni di questi complicati e potenzialmente letali per i bambini non vaccinati”, come sosteneva l’esperto. A questo attacco era seguita una lettera aperta inviata dal presidente dell’Iss al procuratore della Repubblica Giuseppe Pignatone, in cui si sottolineava l’importanza di una “magistratura al fianco dei medici e degli scienziati, per contrastare chi per diversi e spesso turpi motivi abusa della credulità popolare”.  “Una richiesta del tutto infondata da parte del Pm che di certo non sarà accolta”, dice invece il presidente Codacons, Carlo Rienzi. “Crediamo che il procedimento non avrà seguito, perché è del tutto infondato, ma se così non dovesse essere, finalmente ci sarà una possibilità in Italia di ottenere chiarezza dinanzi la giustizia sui presunti conflitti di interesse che sembrano coinvolgere chi, nel nostro paese, prende decisioni fondamentali in tema di salute pubblica e, nello specifico, di vaccini”, commenta Rienzi.

EDIT 17 luglio 2018: Il GIP del tribunale di Roma Giulia Proto ha archiviato la querela di Ricciardi nei confronti di Rienzi:

Il Gup di Roma Giulia Proto ha ritenuto fondate le affermazioni del Codacons; nelle motivazioni della sentenza si legge infatti: “emerge dagli atti che, almeno alla data del 28.5.2013, il Ricciardi aveva effettivamente svolto consulenze per diverse case farmaceutiche anche produttrici di vaccini”; “che le varie iniziative siano state sponsorizzate dalle case farmaceutiche produttrici di vaccini, vi è prova in atti: vi sono i contratti con i quali le case farmaceutiche hanno sponsorizzato i Progetti di cui si parla nel volantino, stipulati con l’Università Cattolica del Sacro Cuore o le dichiarazioni dei legali rappresentanti delle case farmaceutiche che confermano il dato”.

A maggior riprova il comunicato stampa, depositato in atti, dell’Università Cattolica del Sacro Cuore del 19 giugno 2015, che apertamente parla di “sostegno incondizionato” avente ad oggetto, afferma il Giudice Proto, “la sponsorizzazione di cui si parla – a ragione – nel volantino”.

Leggi sull’argomento: Il Codacons denuncia l’ordine dei medici per la radiazione di Roberto Gava