Fatti

Carlo Fidanza e la diffida a Piazzapulita sulla seconda puntata dell’inchiesta La lobby nera

Questa sera ci sia aspettava la seconda puntata dell’inchiesta su Fidanza realizzata da Fanpage, dopo la diffida potrebbe essere a rischio

lavatrici per il black inchiesta fanpage fratelli d'italia

Il secondo episodio dell’inchiesta di Fanpage pronta ad andare in onda durante la puntata di Piazza Pulita questa sera, potrebbe essere a rischio. La notizia arriva direttamente dai legali di Fidanza, l’europarlamentare di Fratelli d’Italia travolto dallo scandalo e ora indagato per riciclaggio e finanziamento illecito ai partiti.

“Abbiamo diffidato La7 – spiega il difensore Enrico Giarda a Adnkronos – perché il girato è stato acquisito dalla procura di Milano, è quindi coperto da segreto istruttorio e non può essere mandato in onda. Non è una diffida fatta per fare show, ma in diritto: il girato del giornalista di Fanpage è stato acquisito, è entrato nel fascicolo ed è sottoposto a segreto istruttorio. L’articolo 114 del codice di procedura penale ne vieta la pubblicazione, non è divulgabile con il mezzo della stampa”.

Carlo Fidanza e la diffida a Piazzapulita sulla seconda puntata dell’inchiesta La lobby nera

Una richiesta che in punta di diritto potrebbe avere delle motivazioni, sebbene il rischio di non andare in onda questa sera non sia contemplato. Sono state le stesse fonti di Piazza Pulita a comunicare a Next che il servizio andrà certamente in onda, forti del fatto di non commettere alcun reato. Inoltre dalla redazione del programma di Formigli hanno reso noto che il focus della puntata a prescindere dagli sviluppi del primo episodio, non sarà incentrato sul ruolo di Carlo Fidanza o Chiara Valcepina. Sarà ancora il profilo di Jonghi Lavarini quello maggiormente attenzionato.

Poi gli avvocati di Fidanza sottolineano la totale innocenza del loro assistito. “La nostra iniziativa non significa che vi sia qualcosa da nascondere ma solo che intendiamo riportare la vicenda nell’alveo esclusivo della procura di Milano che è il nostro unico interlocutore”, spiega Enrico Giarda, avvocato dell’europarlamentare Fidanza.

Ora la palla passa a Piazza Pulita, potrebbe infatti accadere che il programma decida di mandare in onda ugualmente il servizio, rischiando di non poterlo fare per lungo tempo. I tempi processuali sono lunghi e quindi si rischierebbe di vedere secretati i filmati per lungo tempo.