Fatti

Il 37enne australiano che spacciandosi per “erede dei Savoia” rivendica il Palazzo Reale di Milano

Un uomo di 37 anni proveniente dall’Australia è arrivato con i bagagli al Palazzo Reale di Milano spacciandosi per “erede dei Savoia” e sostenendo che quella fosse “casa sua”

palazzo reale milano australiano erede savoia

“Sono l’erede legittimo dei Savoia, e questo posto è mio”: devono aver suonato più o meno così le parole di un 37enne australiano che nel primo pomeriggio di ieri, intorno alle 13, si è presentato al Palazzo Reale di Milano rivendicandone la proprietà affermando di essere un discendente della famiglia dei sovrani. Per allontanarlo è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco e di una decina di poliziotti. Era salito al primo piano, in prossimità dell’ingresso delle mostre, e ha chiesto indicazioni per raggiungere Palazzo Marino – sede del Comune di Milano, proprietario del Palazzo Reale – affermando di essere l’erede del Regno d’Italia.

Il 37enne australiano che spacciandosi per “erede dei Savoia” rivendica il Palazzo Reale di Milano

Allontanato, ha fatto ritorno poco dopo con i bagagli, che ha riposto con cura accanto alla postazione di controllo dei Green Pass. Per lui quella era “casa sua” e non aveva intenzione di abbandonarla. Ha anche mostrato alle forze dell’ordine alcuni documenti che sosteneva di aver spedito alle autorità italiane. La sua presenza ha intralciato – oltre che incuriosito – i visitatori che erano accorsi per assistere alla mostra temporanea sul Realismo Magico.

Costruito in stile neoclassico e situato alla destra della facciata del duomo in posizione opposta rispetto alla Galleria Vittorio Emanuele II, il Palazzo Reale di Milano è ormai considerato un polo culturale nel cuore della città coordinato con altre tre sedi espositive: la Rotonda della Besana, il Palazzo della Ragione e il Palazzo dell’Arengario, sede del Museo del Novecento. Il palazzo gioca un ruolo importante per quanto riguarda l’arte nel capoluogo lombardo, come hanno dimostrato i grandi successi delle mostre degli ultimi anni che hanno spaziato da Monet, Picasso, Piero Manzoni e molti altri nomi noti della pittura e della scultura mondiale. Dal novembre 2013, un’ala del palazzo ospita le collezioni del Museo del Duomo di Milano.