La macchina del funky

Andrea Lo Cicero fuori dalla Giunta Raggi

andrea lo cicero zingari di merda

Alla fine fatale è stata la quota rosa. Per la parità da raggiungere tra uomini e donne in giunta Virginia Raggi rinuncia all’ex rugbista Andrea Lo Cicero e Daniele Frongia prende la delega allo Sport mentre arriva una new entry dell’ultima ora: Linda Meleo, dottorato di ricerca alla Luiss in «Diritto ed Economia», che ha scritto nel 2013 un saggio sulla «Sostenibilità a Roma» per Italianieuropei (la fondazione di Massimo D’Alema) e che nel curriculum cita la stesura del rapporto annuale 2009 «Città mobili», realizzato per l’Anci dove si trattava il tema «della domanda e dell’offerta di mobilità in ambito urbano e le spese e investimenti per la mobilità urbana a partire dai bilanci comunali». La delega sui Trasporti, che comporta anche mettere le mani sul «carrozzone» Atac, toccherà a lei. Racconta Giovanna Vitale su Repubblica :

Rispetto agli altri uomini, era lui l’anello debole. Quello che, se fosse stato nominato, avrebbe fatto saltare l’equilibrio di genere imposto per Statuto. Tant’è che, arrivato in Campidoglio con grande anticipo — «Sono emozionato come un bambino», saltellava felice — ha lasciato quasi subito i mancati “colleghi” riuniti con la Raggi in Sala delle Bandiere. Non entrerà nell’esecutivo ma sarà “ambasciatore di Roma nel mondo”, gli hanno promesso i grillini, obbligando anche lui alla consegna del silenzio per non perdere anche questa opportunità. La sua delega andrà al vicesindaco Daniele Frongia, il braccio destro e sinistro dell’avvocata penstatellata. E dunque, salvo ritocchi last minute, l’ultimo pallottoliere dice che la giunta sarà composta da cinque donne (Raggi compresa) e cinque uomini. Con l’assessora ai Trasporti contattata e “visionata” soltanto ieri, dopo aver inanellato una serie infinita di no: si tratta di Linda Meleo, classe 1978, ricercatrice in diritto dell’Economia alla Luiss.
Insieme a lei, la compagine femminile vede schierate la manager dei rifiuti Paola Muraro all’Ambiente; la presidente dell’associazione Stati generali dell’Innovazione Paola Marzano a Semplificazione e Smart City; alle Politiche sociali la dirigente di Unicef Italia Laura Baldassarre, sponsorizzata dal vicepresidente della Camera Luigi Di Maio, in partenza per Israele. I “maschietti” saranno invece rappresentati, oltre che da Frongia, dal dirigente Consob Marcello Minenna, che per accettare l’incarico ha preteso e ottenuto un super assessorato a Bilancio e Partecipate, che potrebbe ricomprendere pure il Patrimonio; allo Sviluppo economico l’ex ad di Expedia Adriano Meloni, grande amico di Davide Casaleggio e già socio del padre Gianroberto; Luca Bergamo alla Cultura; l’architetto Paolo Berdini all’Urbanistica, probabilmente accorpato ai Lavori Pubblici.

giunta raggi andrea lo cicero
Alcuni nomi della Giunta Raggi che verrà presentata ufficialmente oggi in Campidoglio

Lo Cicero ha “appreso con un certo stupore” di non essere più l’assessore in pectore allo sport, ma, come ha scritto lui stesso su Twitter, ha deciso di accettare con sportività la decisione della Raggi:
andrea lo cicero assessore
Lo Cicero era finito nelle polemiche dopo la notizia del suo assessorato a causa della parola “frocetti” contenuta in una frase del suo libro autobiografico. Poi una giornalista di La7 lo aveva accusato di una presunta “aggressione”. Nei giorni scorsi Myrta Merlino a L’Aria che tira era tornata su Eloisa Covelli e Andrea Lo Cicero dopo che ieri, in trasmissione, la conduttrice aveva parlato di un’aggressione da parte dell’ex rugbysta oggi assessore in pectore della Giunta Raggi a Roma. Il suo racconto sull’accaduto ridimensionava di molto quanto affermato dalla Merlino il giorno prima alla fine della trasmissione: «Ho percorso con la macchina la strada della casa di Lo Cicero. Mentre torno indietro mi trovo davanti il Jeeppone di Lo Cicero che scende arrabbiato dall’auto, si avvicina al finestrino e ci dice che la strada era proprietà privata anche se non c’era nessun segnale. Ha strappato l’obiettivo della telecamera all’operatore, tutto è successo in pochissimi minuti: anche l’orologio dell’operatore si è rotto quando ha cercato di prendere la telecamera», ha detto la Covelli. «Dopo l’episodio ci siamo chiusi in macchina, lui ci ha restituito l’obiettivo ma ha lasciato la sua macchina parcheggiata davanti alla nostra impedendoci l’uscita. Quando i carabinieri sono venuti ha spostato la macchina», conclude.
andrea lo cicero eloisa covelli
 
A differenza di quanto promesso il giorno prima, alla fine non sono state mostrate le immagini girate nella zona della casa di Lo Cicero né la questione dell’obiettivo. La Covelli ha ribadito di aver presentato una denuncia per violenza privata nei confronti di Lo Cicero e probabilmente le immagini saranno acquisite e utilizzate per decidere in che senso procedere.

L’Aria che tira, Andrea Lo Cicero Eloisa… di next-quotidiano
Il giorno prima Lo Cicero aveva pubblicato sulla sua pagina Facebook alle 17,15 un altro video per spiegare l’accaduto: il filmato, girato evidentemente successivamente all’accaduto, ritraeva la giornalista Eloisa Covelli mentre telefonava probabilmente ai carabinieri: Lo Cicero rispondeva a quello che la giornalista dice al telefono dicendo di non aver aggredito nessuno e che la telecamera non era rotta.

Leggi sull’argomento: Adriano Meloni: l’ex partner di Casaleggio che diventa assessore della Giunta Raggi