Opinioni

«Giornalista vegetariana muore di tumore. Che dicono i vegani?»

Non è stato molto intelligente da parte della pagina Facebook chiamata Associazione Italiana Carnivori pubblicare questa fotografia di Maria Grazia Capulli, giornalista del Tg2 e testimonial vegetariana recentemente morta di tumore. La Capulli era stata testimonial della “Pasqua senza agnelli”, che chiedeva di boicottare il cibo di agnello in occasione della festività. Come si capisce, la frase sulla giornalista vegetariana che muore di tumore è costruita sulla falsariga di molte polemiche di questo genere messe in campo da associazioni vegetariane o imbarazzanti parlamentari della Repubblica italiana.

maria grazia capulli
Il post su Maria Grazia Capulli dell’Associazione Italiana Carnivori

E, com’era prevedibile, la fotografia ha scatenato reazioni rabbiose nei commenti: “Io mangio carne,ma sicuramente il cervello non mi scorreggia ed ho anche rispetto della persona.PEZZI DI MERDA”, dice Piero. “Al di là di ogni pensiero e di ogni convinzione, leggo frasi di odio e di maleducazione da entrambe le parti. Non credo che mangiare carne sia un diritto come non credo sia giusto pensare di essere dal lato giusto se si è vegetariani o vegani. La violenza verbale è sempre violenza e va sempre allontanata. Lo immaginereste mai un monaco tibetano inveire contro chi esprime un’idea ,seppur fuori luogo come in questo caso, con altrettanto odio e disprezzo?”, scrive Barbara. ” Ho segnalato questo post per ben 4 volte nel giro di 2 giorni e Facebook ha risposto che il post non viola i suoi “standard”! Roba da matti! Ma per violare gli standard di Facebook un post cosa deve contenere??? Solo per forza scene di violenza fisica??? Io veramente non capisco! Spero che a forza di segnalazioni di tutti noi utenti indignati da questo post, Facebook si decida a rimuoverlo!”, aggiunge Silvia inneggiando alla censura.