Yasaman Aryani: liberate la ragazza iraniana in carcere per aver regalato fiori

di neXtQuotidiano

Pubblicato il 2021-04-06

Amnesty International a due anni dall’arresto di Yasaman Aryani torna a lanciare un appello per la sua liberazione. La ragazza ha la sola colpa di aver distribuito dei fiori contro l’obbligo di indossare l’hijab e di essersi mostrata senza velo su Twitter. Come firmare per la liberazione dell’attivista

article-post

Amnesty International a due anni dall’arresto in Iran di Yasaman Aryani torna a lanciare un appello per la sua liberazione. La ragazza ha la sola colpa di aver distribuito dei fiori contro l’obbligo di indossare l’hijab insieme alla madre e a un’altra ragazza e di essersi mostrata senza velo su Twitter

Yasaman Aryani: liberate la ragazza iraniana in carcere per aver regalato fiori

Era l’8 marzo 2019. Yasaman Aryani con la madre e una compagna di battaglie erano salite su un treno a Teheran, distribuendo fiori per la Giornata Internazionale della Donna e spiegando: “Spero di camminare fianco a fianco per strada un giorno io senza l’hijab tu con l’hijab”, appunto perorando la libertà di scelta per indossare il velo. L’iniziativa di Yasaman era diventata virale anche grazie ad un video:

Poco dopo Yasaman è stata arrestata, così come sua madre Monireh Arabshahi, e la sua amica, Moigan Keshavarz. Era passato un mese dalla manifestazione dei fiori e l’attivista aveva pubblicato su Twitter una foto che la ritraeva senza velo e con il rossetto. Era il 10 aprile. Il verdetto ha condannato Yasaman a 16 anni di carcere. Sono passati due anni da allora e Amnesty International torna a farsi sentire per chiedere la liberazione dell’attivista. Lo fa con un post su Instagram in cui spiega:

Yasaman Aryani è una giovane ragazza iraniana. Due anni fa osato protestare pacificamente contro l’obbligo di indossare il #velo e per questo ora è in carcere.

In occasione della Giornata internazionale della donna, a bordo di un treno insieme alla mamma, ha distribuito gioiosamente fiori negli scompartimenti riservati alle sole donne.
Alle donne che ha incontrato ha parlato di un futuro nel quale tutte, anche in #Iran, potranno scegliere liberamente cosa indossare.

Yasaman con questo suo gesto ha osato sfidare l’assurda legge che obbliga le donne a indossare il velo in Iran. Un #coraggio che sta pagando con il carcere.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Amnesty Italia (@amnestyitalia)

Amnesty chiede anche il vostro aiuto per poter liberare Yasaman Aryani. Per farlo basta aderire alla raccolta firme che trovate cliccando qui

Potrebbe interessarti anche