Cultura e scienze

Wolinus: l'omaggio di Linus a Wolinski

Si chiama Wolinus ed è l’omaggio tributato dalla rivista Linus a Georges Wolinski, 80 anni, uno dei più noti vignettisti francesi, ucciso nell’attacco a «Charlie Hebdo» il 7 gennaio. Questa è la copertina di Linus in edicola dal 4 febbraio:
wolinus wolinsi 1
 
E questa è la copertina dell’inserto:
wolinus wolinski 2
Wolinus raccoglie alcune storie che ripercorrono la sua produzione italiana, lunga più di trent’anni. Stefania Rumor, che di Linus è direttrice e memoria storica, sostiene che la satira del libertino-libertario Wolinski passava attraverso il sesso, rappresentato in maniera giocosa e leggera, come un funambolo capace di cogliere il profondo, tanto profondo era il suo amore per le
donne. Racconta il Corriere:

Non c’è modo migliore per dire del senso di iniziazione, ai sentimenti, a quel che ci gira intorno, che ispiravano i suoi disegni. «Papà è morto, Wolinski vive ancora» scrisse la figlia in un tweet che mostrava la scrivania del padre com’era quella mattina di gennaio. In fondo è andata così. La panettiera di Boulevard Beaumarchais ancora ride pensando a quell’uomo anziano che lasciava passare le signore nella fila solo per poterne ammirare le grazie. «A ottant’anni non mi resta che questo» si giustificava lui davanti l suo sguardo di finta riprovazione. Non importa se i fratelli Kouachi nella loro ignoranza se lo sono portati via, con Cabu e tutti gli altri di Charlie Hebdo. A noi restano le sue strisce, a cominciare da quelle italiane raccolte da Linus. Basta poco, basta chiudere gli occhi per vedere ancora le donne di Wolinski che volano sopra di noi, sui tetti di Parigi, di Milano o di Roma, ridono di noi, e intanto ci sorridono.

Una striscia di Wolinus:
wolinus wolinsky 3