Politica

Chi ha votato M5S in Sicilia

giancarlo cancelleri sicilia elezioni complotto - 9

Un’infografica del Messaggero riepiloga oggi il voto per livello scolare, professione e classe sociale in Sicilia, dove alla fine Nello Musumeci ha battuto Giancarlo Cancelleri in una partita che è stata aperta soltanto tra centrodestra e MoVimento 5 Stelle. È interessante notare che in base ai dati elaborati da SWG i voti a Cancelleri sono arrivati in massima parte da individui con un livello scolare alto, disoccupati e di classe sociale povera. Musumeci invece ha ricevuto il maggior numero di preferenze da chi ha un livello di scolarizzazione basso o medio, da casalinghe e pensionati e da chi si trova in una classe sociale alta o medio-alta. Mentre Micari, che ha perso male, non ha avuto nemmeno la soddisfazione di essere votato da chi aveva un livello scolare alto nonostante fosse il rettore dell’Università di Palermo.

chi ha votato m5s in sicilia
Il voto per livello scolare, professione e classe sociale (Il Messaggero, 7 novembre 2017)

L’incrocio dei dati ci spiega in qualche modo il successo del MoVimento 5 Stelle presso quegli strati della popolazione che sono stati dimenticati per decenni e hanno sofferto di più la crisi economica, e che oggi, nonostante la ripresa, non sono ancora riusciti a dare una svolta alla loro situazione. Questo spiega anche che il consenso del M5S nell’isola si fonda su una situazione economica che è ancora di sofferenza per i singoli. Di più: la percentuale di pensionati che ha votato per Musumeci è del 57%, mentre a votare per Cancelleri è soltanto il 18% di chi ha una rendita vitalizia. Anche questo spiega molto il successo del 5 Stelle e le prospettive di certo rosee per il futuro che ha il M5S nell’isola nonostante la sconfitta di ieri.
m5s sicilia
I flussi di voti in Sicilia (Corriere della Sera, 7 novembre 2017)

Il Corriere della Sera invece pubblica l’analisi sui flussi di voti dell’Istituto Cattaneo, dal quale si evince che il voto disgiunto ha fatto morti e feriti soprattutto a sinistra: Micari ha avuto 7 punti in meno rispetto ai voti dei partiti che lo appoggiavano: ha preso 385mila voti mentre, cinque anni fa, Rosario Crocetta fu eletto con 617.073 voti. Musumeci, rispetto alle liste, ci ha rimesso l’1,5% dei voti che, dicono nel suo staff, sono andati altrove (a Cancelleri) causa della battaglia interna contro gli «impresentabili». Nel 2012 Musumeci aveva avuto 521.022 voti ora ne porta a casa oltre 820mila. Cancelleri ha avuto più voti di quanti non ne abbia raccolti il M5S. La differenza è di circa 200 mila voti ed è dovuta, secondo Rinaldo Vignati del Cattaneo, «alla grande visibilità del simbolo del M5S, con il suo candidato governatore, rispetto alla fragilità dei candidati consiglieri della lista». Cancelleri, in 5anni, ha raddoppiato i voti personali: da 368.006 a 711mila. Insomma, a scegliere Cancelleri è stato chi ha un’alta scolarizzazione, è disoccupato e vive in povertà. Il leader M5S con il voto disgiunto ha “rubato” voti soprattutto a sinistra. Dati che dovrebbero far riflettere la sinistra di governo in chiave nazionale.