Trend

L'infimo attacco di Feltri a Michela Murgia: "È così cattiva perché è brutta come una strega"

Asia Buconi|

vittorio feltri murgia

Che Vittorio Feltri non nutrisse particolare simpatia per la giornalista Michela Murgia era cosa nota. Ma oggi, su Twitter, il fondatore di Libero si è lasciato andare sin troppo, con un audace parallelismo tra la scrittrice e la Premier Giorgia Meloni ai limiti dell’insensato e dell’offensivo. Nello specifico, Feltri ha scritto: “La Meloni a scuola era la prima della classe, e ora si vedono i risultati meritati. E sapete perché la Murgia è così cattiva? Perché è brutta come una strega”, ha sentenziato il giornalista. Non dimostrandosi di certo un pezzo di pane.

L’attacco di Vittorio Feltri a Michela Murgia: l’ultima spiaggia di chi non ha argomenti

Se proprio volessimo metterla sul piano dell’istruzione come suggerisce Vittorio Feltri, in realtà Michela Murgia possiede nel suo curriculum una laurea in teologia, mentre Meloni ha ottenuto soltanto il diploma di maturità linguistica col massimo dei voti all’istituto professionale “Amerigo Vespucci” di Roma.

Niente università quindi per la Premier di FdI, che parlando della sua scelta in un comizio tenuto durante la campagna elettorale di quest’estate a Genova aveva spiegato: “Vengo presa in giro perché non mi sono laureata. Non mi sono potuta laureare. Secondo voi come l’avrei presa una laurea? Mi mantenevo da sola. Studiavo, facevo già politica, tante cose”.

Che poi, come dimostra la recente e triste vicenda del giovane Riccardo Faggin, non può e non deve essere mai un titolo di studio o i risultati scolastici ottenuti a definire il valore di qualcuno. Non si comprende dunque il paragone messo in piedi da Feltri nel tweet, né il senso ultimo della sua affermazione. Quel che è certo è che l’attacco a una donna sul suo aspetto fisico è quanto di meno onorevole si possa fare, oltre a rappresentare l’ultima spiaggia di chi è privo di argomentazioni valide contro qualcuno. Parole che finiscono per descrivere più chi le pronuncia che chi le riceve.