Opinioni

Virginia Raggi e la funivia Casalotti-Battistini

“Mobilità alternativa si può: ecco la funivia per Roma”. Con un post su Facebook la sindaca di Roma Virginia Raggi torna a parlare del progetto di realizzare una funivia nella Capitale annunciato in campagna elettorale. “Non ce ne siamo dimenticati”, aggiunge.
virginia raggi funivia casalotti battistini

Abbiamo avviato uno studio di fattibilità dell’opera, di cui si sta occupando il Dipartimento Trasporti insieme ad Agenzia per la Mobilità di Roma. Tra pochi mesi avremo i risultati.
Noi siamo partiti con il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS), le cui linee guida sono state approvate nei giorni scorsi in giunta capitolina. Vogliamo dare la nostra visione di città integrata e sostenibile per migliorare la vivibilità favorendo il trasporto pubblico di Roma e della città Metropolitana coinvolgendo i cittadini nel disegno della rete dei trasporti.
Uno dei sistemi di trasporto che sicuramente verrà esplorato nel piano è la funivia urbana, componente intermodale sostenibile del sistema del trasporto pubblico urbano, che introdurrà una autentica rivoluzione nell’ecosistema città.
La funivia urbana non verrà proposta solo per introdurre un potenziamento del trasporto pubblico esistente, ma come strumento privilegiato per una visione strategica di ricomposizione delle relazioni fra tutte le parti urbane. E nel nostro caso soprattutto quelle che gravitano all’interno ed all’esterno del GRA, spesso congestionate dal traffico.
La funivia urbana nasce come soluzione tecnica della mobilità. Londra e Berlino hanno già fatto il primo passo e a breve si aggiungerà anche Parigi. E con noi Roma di certo non vuole rimanere indietro.

La proposta della funivia urbana come mezzo di trasporto pubblico viene da un’associazione di quartiere che si chiama Casalottilibera e che sul suo sito internet ha dettagliato il progetto spiegandone la fattibilità. Gli abitanti della zona periferica della capitale sono convinti che il trasporto aereo, con cabine che corrono appese a cavi tesi tra i piloni – come quelle che sorvolano i campi da sci nelle stazioni invernali -, possa essere «una valida alternativa a tram, bus e filobus; un’alternativa ecologica oltre che economica. Rispetto ai costi delle tradizionali linee di trasporto, la funivia consentirebbe infatti notevoli risparmi. Lo confermano gli studi relativi ad altre tre tratte funiviarie realizzati nel corso dell’ultimo decennio: è del 2003, infatti, la prima singolare proposta di un bus-funivia a Roma; avrebbe dovuto unire la stazione metrò Magliana alla zona di Villa Bonelli, ma non venne mai realizzata».  In questo video c’è un intervento del professor Stefano Panunzi, associato di ingegneria all’università del Molise, che parla del progetto “Gondolina”

Questo è uno dei dépliant realizzati dall’associazione Casalottilibera in cui si spiegano i vantaggi e i criteri di fattibilità del progetto.

Leggi sull’argomento: Virginia Raggi e la funivia Boccea-Casalotti