Trend

Vialli e il discorso per motivare gli Azzurri due giorni prima della finale | VIDEO

neXt quotidiano|

Vialli il discorso che ha commosso il web Euro2021

Gianluca Vialli è arrivato a Euro2020 dopo una lunga e faticosa qualificazione. La sua è stata più difficile di altre però, ha dovuto lottare non solo sul campo e al fianco della squadra ma anche fuori dal campo contro un male che tutt’ora lo accompagna.

Due giorni prima della finale l’ex centravanti azzurro ha letto alcune parole del presidente americano Roosvelt ai suoi ragazzi. Una sorta di trattato sul ruolo e sul coraggio degli uomini, che volendo leggere romanticamente potrebbe essere stato un modo di trasmettere a loro la grande forza che lui ha dimostrato in questi anni e negli ultimi mesi nello specifico.

Vialli e il discorso alla squadra per il suo compleanno. Le immagini in onda durante il documentario sugli azzurri

Le immagini sono arrivate direttamente dal ritiro della nazionale, riprese momento per momento dalle telecamere della Rai. Ieri sera è infatti andato in onda ‘Sogno Azzurro la strada per Wembley’, un docu-film che ricostruisce il percorso della squadra guidata dal tecnico Roberto Mancini dall’esordio alla vittoria di Londra, che ha totalizzato 4.133.000 telespettatori e il 21,22% risultando il programma più seguito dell’access prime time. L’ennesima, qualora servisse, testimonianza del lavoro prezioso che Mancini e il suo staff ha fatto nel percorso di riavvicinamento tra l’Italia e gli Italiani.

Gianluca Vialli di questa impresa è stato uno dei principali artefici. Lo si è capito prima, durante e dopo. “So che queste parole lo faranno arrabbiare, ma è importante che tutti lo sappiano – aveva detto Florenzi a SkySport parlando del capo delegazione– Noi abbiamo un esempio che ci dimostra ogni giorno come si deve vivere, come ci si deve comportare in qualsiasi ambiente ti trovi e in qualsiasi situazione. Per noi è speciale, questa vittoria senza di lui, così come senza Mancini e gli altri, non sarebbe niente. Lui è un esempio vivente, mi odierà per queste parole ma se le merita”.