Q&A

La copertura vaccinale a rischio in Italia

copertura vaccinale

Dopo il richiamo di Mattarella, il Corriere della Sera pubblica oggi una serie di infografiche che riguardano la copertura vaccinale. Gli ultimi dati sulle coperture vaccinali mondiali, pubblicati da Oms e Unicef, mostrano che l’86% dei bambini, nel 2015, ha ricevuto le 3 dosi obbligatorie del vaccino Dtp3, contro difterite-tetano-pertosse. Il numero di bimbi che non ha ricevuto le vaccinazioni di routine è sceso dai 33,8 milioni del 2000 ai 19,4 milioni del 2015. Il livello di sicurezza è 95%. L’Italia si ritrova sulla soglia del 93,4%.

Quasi due punti in meno rispetto a quella ideale sembrano nulla. Ma se si guardano i dati in dettaglio la situazione è preoccupante, perché solo sei Regioni sono sopra il fatidico paletto: Basilicata, Abruzzo, Lazio, Calabria, Piemonte e Sardegna. E allarmante è anche il trend della copertura media per le vaccinazioni contro poliomielite, tetano, difterite e pertosse. Il calo è costante: 96,1% nel 2012, 95,7% nel 2013, 94,7% nel 2014, fino al 93,4% del 2015. Emblematico il caso della Valle d’Aosta: era la Regione «virtuosa» nel 2005, con il 99,5% di vaccinazioni contro la polio, e dieci anni dopo si è ritrovata sotto la media nazionale (93,40%). «Siamo un Paese a rischio — dice Walter Ricciardi, presidente dell’Istituto superiore di Sanità —. Prima o poi dobbiamo aspettarci casi di infezioni che non facevano più paura». In primo luogo il morbillo, ritenuto innocuo e, al contrario, causa di complicanze severe.

vaccini-copertura-vaccinale-1
Spiega Margherita De Bac:

L’antimorbillo viene offerto in combinazione con parotite e rosolia (trivalente). La media nazionale è 85,29%, secondo i dati del 2015 pubblicati dal ministero della Salute poche settimane fa. Dati ritenuti «particolarmente preoccupanti» perché segnalano un calo del 5% in appena tre anni (nel 2013 la media nazionale di queste vaccinazioni era del 90,4%). Alcune Regioni, poi, sono ancora più sotto: nelle vaccinazioni contro il morbillo le Marche sono ferme al 79,90%, il Molise al 77,38, la Provincia autonoma di Bolzano si ferma al 68,84%. Le defezioni sono legate alle periodiche polemiche sul presunto legame dell’antimorbillo con l’autismo. Una teoria che non ha mai trovato basi scientifiche e che, anzi, è stata smentita ufficialmente dall’autorevole rivista medica Lancet.
Il sospetto, rilanciato da un medico inglese, nasce dal fatto che i bambini cominciano a mostrare disturbi autistici nei primi due anni, dunque in coincidenza con le prime dosi. La falsa credenza ha alimentato i pregiudizi ideologici di alcune associazioni naturopate con sede al Nord, a Rimini e a Bolzano. Non è un caso che la maggiore ostilità delle famiglie si riscontri in queste aree. L’immunologo del San Raffaele Roberto Burioni ha lanciato l’allarme su Pesaro, la sua città di origine, dove i protetti dalla trivalente sono appena 6 su 10. «C’è pericolo di focolai. Il morbillo può dare encefaliti, otiti, polmoniti con complicanze mortali. Il virus troverebbe terreno fertile», avverte Massimo Agostini, del Dipartimento di prevenzione di Pesaro, Urbino e Fano.

vaccini-copertura-vaccinale-2

Leggi sull’argomento: Il favoloso mondo dei genitori che credono che i vaccini facciano diventare i figli autistici