Opinioni

Tempi moderni – 2

Alcuni giornali, citando fonti gorgoglianti e leggermente frizzanti, tipicamente di origine vulcanica, riportano che avrebbe fatto la propria comparsa anche in Italia la controversa pratica della maturità surrogata. Si tratta, per essere chiari, di un accordo fra due persone, una delle quali acconsente, in cambio di denaro o per semplice altruismo e bontà d’animo, a invecchiare al posto dell’altra, o meglio a invecchiare anche al posto dell’altra (a meno che, ovviamente, non abbia ceduto ad altri la propria vecchiaia; come sempre questo genere di questioni è complesso e sfumato). Si parla infatti anche di SPA, o “Senescenza per altri”.

maternità surrogata
Vignetta da Facebook (S. Pisano)

Il motivo per cui uno debba liberamente accettare un patto del genere non è a prima vista chiarissimo. Molti liquidano perciò la questione come sfruttamento puro e semplice, ai danni dei poveri e dei giovani avidi; per ironia della sorte, chi acconsente a esercitare la maturità per altri diviene ben presto conscio, gravando su di lui anzianità e saggezza al doppio della velocità normale, dell’errore fatto. Ciò ha fatto sì che si siano dati diversi casi, nelle moderne democrazie anglosassoni, in cui un surrogante, compreso il proprio errore grazie alla maturità appena surrogata, si è recato dal cedente della maturità, o surrogatario, per convincerlo a riprendersi la propria vecchiaia, in cambio del denaro che quest’ultimo aveva accordato al surrogante, riuscendoci grazie alla perenne impulsività giovanile di chi aveva dato via la maturità; e via così per sei o sette volte, a seconda del cambio di proprietà senile.
Altri negano recisamente che esista una maturità surrogata o al più sostengono che riguardi gli alberi da frutta.