Fatti

Stefano Paternò: non ci sono prove che colleghino la morte del militare al vaccino

Stefano Paternò è morto ieri dopo la somministrazione della prima dose di vaccino Astrazeneca: ma non ci sono evidenze di una correlazione tra il decesso del militare in servizio ad Augusta e la vaccinazione

stefano paternò morto vaccino astrazeneca non ci sono prove

Stefano Paternò è morto ieri dopo la somministrazione della prima dose di vaccino Astrazeneca: ma non ci sono evidenze di una correlazione tra il decesso del militare in servizio ad Augusta e la vaccinazione.

Stefano Paternò: non ci sono prove che colleghino la morte del militare al vaccino

Stefano Paternò era stato vaccinato lunedì 8 marzo all’interno dell’ospedale militare di Augusta, ma non aveva accusato nessuna reazione. Una volta tornato nella sua abitazione a Misterbianco in provincia di Siracusa si è sentito male in serata, aveva preso la Tachipirina perché aveva la febbre alta. Le condizioni di Paternò sono peggiorate fino alla morte ieri per arresto cardiocircolatorio. Il procuratore di Siracusa Sabrina Gambino ha spiegato: “Dalla prima ispezione cadaverica sembra che il militare sia deceduto per un arresto cardiaco. Al momento non c’è alcun rapporto causa effetto ma possiamo solo rilevare una coincidenza cronologica. Dobbiamo attendere l’esito dell’autopsia per avere un quadro più chiaro”. Oggi è stato effettuato l’esame autoptico disposto dalla Procura di Catania su rogatoria. Saranno gli accertamenti, come ha spiegato il procuratore, a chiarire la causa del decesso. Il militare era sposato e aveva due figli. Era stata proprio la moglie aveva chiamato il 118 dopo averlo trovato incosciente. Tra chi commenta la sua morte sui social c’è chi si dice sicuro delle sue buone condizioni di salute.

Ma anche in questo caso dovranno essere gli accertamenti a valutare se l’uomo non avesse patologie pregresse, magari non evidenti. Quello che è invece è certo è che Stefano Paternò è stato pianto da chi lo conosceva, che ne parla sui social come di una persona formidabile: “Sono sconvolto triste e addolorato perché questa notte ci hai lasciato all’improvviso. Mio caro Stefano sei stato un uomo formidabile, sempre vitale, allegro, disponibile per qualsiasi lavoro e non ti tiravi mai indietro su niente. Il primo a partire e l‘ultimo a lasciare. È stato un privilegio per me essere stato il Capo su Nave Libra e un onore essere un tuo amico. Riposa in pace e che la terra ti sia lieve. Mi stringo nel cordoglio e porgo le mie sentite condoglianze alla moglie e hai figli”.