Politica

Sondaggi Roma e Milano, Raggi e Sala in testa

sondaggio sindaco roma virginia raggi

Virginia Raggi è saldamente in testa a Roma, Sala ancora sopra Parisi a Milano mentre il Partito Democratico guadagna voti e il MoVimento 5 Stelle ne perde a livello nazionale. Questa la sintesi dei sondaggi pubblicati oggi da Repubblica e dal Messaggero sulle elezioni amministrative e su scala nazionale. Per quanto riguarda le altre città al voto, rilevate da Demos & PI per Repubblica, Virginio Merola è saldamente in testa a Bologna dove Lucia Borgonzoni è seconda a un’intaccatura da Massimo Bugani che prende pochi voti rispetto alle percentuali del M5S in città. Anche De Magistris è sopra tutti a Napoli e anche qui il candidato del centrodestra Gianni Lettieri supera Matteo Brambilla, mentre a Torino Chiara Appendino dovrebbe facilmente conquistare il ballottaggio con Piero Fassino.

sondaggi roma milano 1
Sondaggio Demos & PI /Repubblica: Bologna, Roma e Napoli

sondaggi roma milano
Sondaggio Demos & PI / Repubblica: Torino e Milano

Per quanto riguarda la Capitale, Virginia Raggi conquista un ragguardevole 30% ed è sicura di arrivare al ballottaggio mentre Roberto Giachetti non è a distanza di sicurezza da Giorgia Meloni, che lo insegue con poco più di un punto percentuale di distacco. Dimezzata la percentuale di voto per Alfio Marchini rispetto alla Meloni mentre Stefano Fassina arranca all’ultimo posto.
sondaggi roma milano 2
Sondaggi Demos & PI /La Repubblica: Roma

Infine c’è il voto su scala nazionale, rilevato da un sondaggio SWG per il Messaggero, che vede il Partito Democratico guadagnare voti anche se il 40% delle europee 2014 è ancora molto lontano: il totale dell’area di governo assomma al 36,4%, mentre gli altri perdono o non sfondano: il MoVimento 5 Stelle torna al 25% che aveva già totalizzato alle ultime politiche, Forza Italia è in lieve recupero a discapito della Lega Nord mentre la Sinistra Italiana è ancora sotto il 5%.
sondaggi roma milano 3
Sondaggio SWG: le intenzioni di voto su scala nazionale (Il Messaggero, 20 maggio 2016)