Politica

Sondaggi, i 5 Stelle un punto sopra il PD

sondaggi referendum costituzionale

Il sondaggio realizzato da IPSOS PA per il Corriere della Sera pubblicato oggi sul quotidiano vede il Movimento 5 Stelle vicino al 31%, il Partito Democratico poco sotto il 30%, il centrodestra nel suo insieme vicino al 29%. Il tripolarismo consegnatoci dalle elezioni 2013 rimane la condizione stabile.

sondaggi 5 stelle pd
Il sondaggio realizzato da Ipsos PA per il Corriere della Sera (6 novembre 2016)

Il Movimento ottiene consensi trasversalmente nel Paese. Nelle classi di età giovani e centrali primeggia, lasciando lo scettro al Pd nelle classi di età più elevate. Ha sottratto l’egemonia nell’area dei lavoratori autonomi al centrodestra. Ottiene consensi importanti anche nei ceti scolarizzati e non solo nei ceti popolari. Il problema è che questo insieme non diventa, per ora, «blocco sociale»: cioè non diventa proposta programmatica e di governo in grado di saldare questo ampio fronte. Le ipotesi di ballottaggio (previste dall’Italicum) confermano la prevalenza dei 5 Stelle che prevarrebbero nettamente sia sul Pd sia sul centrodestra unito. E il ballottaggio Pd / centrodestra conferma lo stacco netto a favore del primo.

Nel dettaglio, mentre il gradimento del governo Renzi e quello personale del premier crescono rispetto al luglio scorso, anche per effetto della campagna elettorale, la  sua trasversalità iniziale, capace di conquistare consensi al di là della propria area, è rientrata. Anche se segnali di apprezzamento vengono altresì dal centrodestra, in particolare da Forza Italia (un elettore su quattro). Quanto al voto per i partiti, va notato, nel centrodestra, il parziale ridimensionamento della Lega. Le ipotesi nazionali e «lepeniste» di Salvini hanno raggiunto il tetto massimo dei consensi, che tendono a diminuire. Oggi in Italia lo spazio per questo tipo di proposte è ridotto per la presenza dei 5 Stelle che aggregano gran parte del voto di protesta. Salvini oggi è in difficoltà: troppo debole per diventare il leader di tutto il centrodestra, troppo forte per diventare gregario.