Opinioni

Tutto si tiene: dai vaccini alla moneta il filo sottile della disinformazione

La tesi è abbastanza semplice: tutto si tiene. Pseudo scienze, teorie improbabili, bufale e manipolazioni varie, tendono a essere accettate o rifiutate in “pacchetti tutto compreso”. Detta in modo più semplice difficilmente troverete un fiero novax che abbia un approccio razionale e di buonsenso in tutti gli altri campi. Molto probabilmente il nostro fiero novax crederà all’omeopatia, penserà che lo spread sia manovrato da poteri oscuri, odierà le multinazionali, sarà convinto che l’unico cibo sano sia quello biologico e che la medicina ci nasconda (per interessi inconfessabili) la straordinaria efficacia terapeutica della curcuma e dello zenzero.

Con questo non si vuole certo dividere le persone in tontoloni che credono a tutte le bufale e intelligentoni che ne sono completamente immuni. È ovvio che la realtà sia un pochino più fluida, tuttavia è innegabile che le balle di varia natura che hanno avuto tanto successo negli ultimi anni, siano legate da una certa coerenza interna e restituiscano, agendo sinergicamente, una visione della società abbastanza caratteristica. In soldoni, secondo questa visione, esistono poche e potentissime persone che ci stanno mentendo e truffando. Queste persone (o poteri) ci rubano quella ricchezza, quel benessere e quella felicità che altrimenti sarebbero a portata di mano. La scarsità delle risorse non esiste, la complessità di migliaia di piccoli e grandi interessi contrapposti neppure, tutto è semplice: pochi “cattivi” da una parte e una moltitudine di “buoni” dall’altra. Chi inquina? Le grandi imprese per fare profitti ovviamente. Perché esiste la povertà? Perché qualcuno si appropria in modo subdolo della ricchezza. Perché ci ammaliamo? Perché a qualcuno conviene che avvenga. Chi evade le tasse? Solo le grandi multinazionali del web, un’onesta partita iva non lo farebbe mai. Si tratta della visione semplicistica che potrebbe avere un bambino di 10 anni.

Argomentare la tesi del “tutto si tiene” sarebbe difficile in un semplice articolo poiché richiederebbe una moltitudine di esempi. Fortunatamente la realtà ci offre delle scorciatoie, degli episodi sintomatici, delle vicende emblematiche che hanno una grande capacità di esemplificare dei concetti. Vi chiedo qualche secondo di pazienza prima di arrivare al punto.

siamo vaccini olocausto novax disinformazione

Guardate la foto. Si tratta di una campagna dell’associazione novax “SiAmo” (ovviamente loro si definiscono un movimento per la libertà di cura) come spiegato in questo articolo del Corriere della sera. Tra i dirigenti di “SiAmo” figura Dario Miedico, il noto ex medico radiato dall’ordine di Milano. Nell’immagine si paragonano le leggi razziali con l’obbligo vaccinale. Immagino non sia necessario sprecare il vostro tempo di lettori per argomentare quanto sia assurdo, offensivo e imbecille un paragone del genere. Diamo quindi per acquisito che chi abbia elaborato questa campagna sia un ignorante/esaltato/in malafede/ ecc. ecc. Ma perché la cosa è interessante? È interessante perché “SiAmo” è anche un partito che si è regolarmente presentato alle elezioni politiche del 2018. Possiamo quindi sapere come la pensano su altri temi gli sciroccati che hanno confezionato questa campagna vergognosa. Guardiamo al programma preso dal loro sito.

– Al punto 3 si parla della necessità di restituire la sovranità al popolo (vi ricorda qualcosa?)

-Al punto 4 si sottolinea la necessità di riacquisire la sovranità alimentare e di sostenere l’agricoltura biologica e naturale (guai a fare dell’agricoltura innaturale)

-Al punto 8 si nomina la ri-nazionalizzaione della Banca d’Italia (in altre parole riportare l’istituto sotto la piena dipendenza del ministero del tesoro in modo che la Banca d’Italia compri direttamente i titoli di debito dello stato, che ideona vero?)

-Al punto 9 troviamo il loro pensiero stupendo: denunciare, cioè non pagare, il debito illegittimo. Il debito sarebbe illegittimo perché frutto del Signoraggio che secondo la loro sconfinata ignoranza consisterebbe nella differenza tra valore facciale della banconota e costo di produzione (la stessa sconfinata ignoranza vista nella trasmissione Povera Patria su Raidue che già avevamo commentato).

-Al punto 10 si parla di nazionalizzazione di acqua, energia, telecomunicazioni e trasporti (saranno contentissimi per l’imminente nazionalizzazione di Alitalia).

-Al punto 14 si cade nel criptico: incoraggiare la ricerca nell’ambito della nuova medicina supportata dalle scoperte della fisica e della biologia molecolare (c’è puzza di sciocchezze quantistiche)

-Al punto 16 si introduce il salario di cittadinanza, che dovrebbe essere distribuito anche a tutte le casalinghe (tanto le risorse sono illimitate, basta sconfiggere i cattivoni che ce le nascondano).

-Infine arriviamo al punto 17. Secondo questi fenomeni il PIL dovrebbe essere integrato con altre voci immateriali, quali la procreazione, l’educazione dei figli e le attività di assistenza e cura nella comunità (qualcosa tipo: “Cari mercati siamo in recessione tecnica ma non vi preoccupate perché stiamo educando i nostri bambini con il 3% di amore in più dell’anno scorso”). Effettivamente è una cosa che tranquillizzerebbe qualsiasi investitore.

Quindi tutto si tiene, i tontoloni di “SiAmo” non hanno le idee molto confuse solo sul tema vaccini. Così come non è un caso se certi partiti che hanno idee molto confuse sugli argomenti più vari abbiano avuto, uso il passato per carità cristiana, una certa simpatia per i novax. L’insegnamento che si potrebbe trarre è che quando delle persone o delle organizzazioni sostengono tesi assolutamente irragionevoli e insensate, è difficile che la loro deficienza (di informazioni) o la loro cialtroneria (in caso di malafede) siano limitate a quel solo argomento. Perché di solito tutto si tiene.

Leggi sull’argomento: Gli scricchiolii interni al M5S (e la spaccatura che si amplia sempre più)

Elio Truzzolillo

Elio Truzzolillo, nato il 24/06/1972,laureato in Economia. Segue con passione la politica italiana e il mondo delle fake news.