Economia

Scuola: gli stipendi dei prof e la promessa di guadagnare di più

Scuola_classe

La partita sulla scuola è quella più importante per l’Autonomia gialloverde. La secessione dei ricchi che Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna stanno perseguendo attraverso il disegno di legge sull’Autonomia prevede di intervenire sugli stipendi  ancora troppo bassi rispetto alla media europea, tanto da far scappare via chiunque abbia altre prospettive di lavoro. Ed è quello che accade soprattutto in regioni del Nord come la Lombardia e il Veneto dove le cattedre restano vuote e vengono assegnate ai docenti del Sud.

Scuola: gli stipendi dei prof e la promessa di guadagnare di più

Oggi  lo stipendio di una maestra di scuola elementare va dai 23 ai 34mila euro annui, contro una media europea che va dai 26 agli oltre 43mila euro. Un professore di scuola media in Italia guadagna dai 25 ai 37mila euro, in Europa dai 28 ai 47mila, alle superiori si va dai 24mila ai 39mila annui mentre in Europa dai 29 ai 49mila euro. Il paragone è schiacciante con la Francia, dove la busta paga può superare i 47mila euro, o la Spagna dove lo stipendio supera i 48mila e con la Germania dove, addirittura, si raggiungono i 64mila euro.

Per questo, spiega oggi il Messaggero,  con il progetto sull’autonomia regionale che il governo sta preparando, la soluzione per Lombardia e Veneto starebbe nell’aumentare gli stipendi di chi lavora in quelle aree con contratti integrativi, diversi da regione a regione. Un incentivo consistente, che potrebbe arrivare a diverse centinaia di euro in più al mese, per convincere i docenti a restare al Nord.

scuola stipendi prof
I numeri della scuola (Il Messaggero, 10 febbraio 2019)

Il tutto accade mentre il ministro della Pubblica Istruzione Marco Bossetti va in giro a dire che al Sud serve l’impegno, non i maggiori fondi. Come se l’antifona non fosse già abbastanza chiara.

Leggi sull’argomento: Il ministro dell’Istruzione si difende e fa sapere di avere molti amici del Sud